Tim in Borsa cede quasi il 9% dopo i conti

Paterniano Del Favero
Gennaio 20, 2019

A circa un'ora dall'avvio delle contrattazioni, le azioni Telecom Italia segnano un tonfo dell'8,89% a 0,4796 euro. Ieri sera la società ha annunciato che l'esercizio 2018 si chiuderà con un Ebitda domestico in rosso.

Analizzato anche il budget 2019 preliminare: le prime stime per la Business Unit Domestic ipotizzano un andamento della performance operativa che sconta le dinamiche competitive che hanno impattato l'esercizio 2018 (già ampiamente commentate in sede di rendiconto trimestrale al 30 settembre 2018) e si prevede influiscano anche sul 2019, in particolare sul primo semestre. Affondando anche le azioni risparmio (-7,8% a 0,417 euro).Per il 2018 l'ebitda consolidato complessivo organico è atteso intorno ai 8,1 miliardi, l'indebitamento finanziario netto consolidato rettificato a 25,2 miliardi.

Intanto, i mercati del Vecchio Continente - comprese Parigi, Francoforte e Londra - tentano un rimbalzo dopo le perdite accumulate ieri sulla scia della vicenda Brexit.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Al termine di un anno volatile per il settore delle biotecnologie, sulla base dei dati consolidati, BBiotech ha chiuso l'esercizio 2018 con una perdita pari a circa 471 milioni di franchi svizzeri a fronte di un utile da 688 milioni dell'esercizio precedente.

Tra i pochi titoli positivi, SAIPEM (+0,8%), che beneficia del nuovo contratto da 2,2 miliardi (la quota di Saipem ammonta a 1,1 miliardi) che si è aggiudicata. Ma la scena è dominata da Carige (il cui titolo è sospeso da alcune settimane), che ha reagito con durezza al downgrade dell'agenzia di rating Fitch. Gli investitori guardano anche al dato sulla produzione industriale degli Stati Uniti, che misura la variazione, al netto dell'inflazione, della produzione manifatturiera, delle miniere e dei servizi.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE