L'agghiacciante censura Rai su Claudio Baglioni

Ausiliatrice Cristiano
Gennaio 12, 2019

"Ho conosciuto Claudio Baglioni" e "lo stimo non solo per le sue grandi qualità artistiche: è un uomo che merita rispetto". "Se la situazione non fosse drammatica, ci sarebbe da ridere". E nel "Paese incattivito e rancoroso", come lo ha definito Baglioni, Sanremo si annuncia più complicato del solito. Le sue parole, infatti, secondo quanto riportato dal quotidiano "La Stampa", avrebbero creato fastidio ed imbarazzo a Teresa De Santis.

L'attacco frontale di Caludio Baglioni rivolto a Matteo Salvini in merito alla politica anti-immigrazione del ministro leghista ha sorpreso un po' tutti.

Ma che non le sarebbe passato mai per la testa di censurare un artista come Baglioni che per nove anni ha organizzato il Festival di Lampedusa 'O Scià, nato per accendere i fari sul problema dell'immigrazione clandestina. I suoi collaboratori hanno raccontato a La Stampa che, a prescindere dagli ascolti che la sessantottesima edizione del Festival di Sanremo raggiungerà, difficilmente la produzione confermerà il cantante per il terzo anno consecutivo. "A proposto delle sue parole pronunciate di recente, andrebbero lette tutte, non bisogna fermarsi ai titoli".

Per Baglioni questo potrebbe essere l'ultimo Festival di Sanremo. La sua colpa? Aver espresso la sua opinione in tema di migranti. "Le misure messe in atto dall'attuale governo e dai precedenti non sono assolutamente all'altezza della situazione". Da viale Mazzini, mentre De Santis ancora taceva e il deputato pd Michele Anzaldi invocava "una replica sua e della commissione di Vigilanza Rai", spiegavano all'Agi che De Santis non commentava "perché non si rettificano i retroscena".

Il casus belli? Il discorso pro migranti snocciolato alla conferenza stampa con il quale il direttore artistico ha criticato la linea tetragona di Matteo Salvini e la chiusura dei porti nel caso delle due navi Sea Watch e Sea Eye, lamentando la mancata accoglienza ai migranti. Il presidente Barachini è ancora in ferie? E soprattutto appare agghiacciante che chiunque oggi manifesti solidarietà con i migranti sia accusato di essere nemico del popolo e degli italiani.

In questi giorni si è parlato di Claudio Baglioni e Sanremo 2019, con ospiti e personaggi che penseranno ad affiancarlo. "Ovviamente ogni cittadino ha il diritto di esprimere il proprio parere politico sulle questioni di attualità, sulle questioni che riguardano le nostre vite, ma ci sono contesti in cui personaggi che svolgono un ruolo pubblico, probabilmente dovrebbero evitare di esprimere e condizionare quello che è il proprio lavoro sulla base di valutazioni che sono completamente fuori contesto", ha dichiarato a Radio Cusano Campus. "Quello che penso lo dirò al momento opportuno".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE