Caso R. Kelly, Lady Gaga vuole cancellare "Do What You Want"

Ausiliatrice Cristiano
Gennaio 11, 2019

Lady Gaga ha pubblicato su Twitter un dichiarazione in cui si è scusata per aver collaborato con il cantante R. Kelly nella canzone del 2013 "Do what U want". Il caso è tornato d'attualità in maniera prepotente a seguito della messa in onda di un documentario di LifeTime intitolato "Surviving R Kelly" in cui una serie di testimonianze parlano dei presunti abusi perpetrati dal cantante di "I believe I can Fly" che ieri è stato indagato dal Procuratore Distrettuale della Contea di Fulton, in Georgia, il cui ufficio è stato inondato di telefonate a seguito della messa in onda del documentario".

"Sono con queste donne al 1000%, le credo, so che stanno soffrendo e sono impaurite e so molto bene quanto le loro voci debbano essere ascoltate e prese seriamente". Sono stata io stessa vittima di abusi sessuali ed ho realizzato la canzone ed il video in un momento buio della mia vita.

Un comportamento che la popstar definisce "orribile e indifendibile", anche alla luce delle diverse pressioni subite dai fan che le chiedevano di prendere posizione sulla vicenda. Volevo creare qualcosa di estremamente provocatorio perché ero arrabbiata e non avevo ancora metabolizzato il trauma vissuto nella mia vita. La canzone in questione si chiama "Do What U Want (With My Body)". - tradotta in italiano "Fai quello che vuoi (con il mio corpo)". La cantante continua, sottolineando l'importanza dell'aiuto psicologico, del chiedere aiuto e parlare apertamente. "Non posso tornare indietro, ma posso andare avanti e continuare a sostenere donne, uomini e persone di tutti i generi e provenienza vittime di violenze sessuali". In chiusura del suo messaggio Gaga sottolinea come "fino a che non succede, non si sa come ci si sente. Ma adesso lo so". E conclude annunciando l'intenzione di rimuovere la canzone da "iTunes e tutte le altre piattaforme di streaming", oltre a non lavorare più con R. Kelly.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE