Ribery e il caso della bistecca d'oro: "Invidiosi, non vi devo nulla"

Rufina Vignone
Gennaio 6, 2019

"Non si può cominciare l'anno in maniera migliore", la didascalia utilizzata curiosamente da Ribery, che si sarà certamente ricreduto: il calciatore del Bayern Monaco, infatti, è stato oggetto di critiche da parte di diversi utenti e ha pensato bene di rispondere per le rime con parole durissime.

Polemiche per un video postato su Twitter da Franck Ribery, in cui il calciatore del Bayern Monaco si appresta a mangiare una bistecca ricoperta d'oro - dal costo di 300 euro - nel ristorante dello chef turco Salt Bae.

Costano cari a Franck Ribery gli insulti social di sabato scorso. Per questo il club ha deciso di procedere con una multa salata contro il giocatore, come spiegato dal direttore sportivo Salihamidzic.

I toni di risposta di Ribery sono stati però anche più duri, con tutti i critici, e così oggi è arrivata la multa del Bayern. Non solo lui, ma anche sua moglie, che è incinta, i suoi figli e sua madre. Per questo ha reagito male, voleva difendere la famiglia. "In questo è uscito totalmente dai gangheri". Ribery non è nuovo a questi sfoghi: recentemente aveva attaccato un giornalista televisivo francese al termine della partita persa con il Borussia Dortmund.

Ribery se l'è presa e ha risposto duramente ai critici: "Per il 2019 rimettiamo i puntini sulle i e le barrette sulle t. Cominciamo con gli invidiosi: non vi devo nulla, il mio successo lo devo soprattutto a Dio, a me, alla mia famiglia e agli amici che hanno creduto in me".

Tutto era cominciato un paio di giorni fa, quando Ribery, in vacanza a Dubai, era andato a cena nel ristorante del noto cuoco turco Nusret Gökçe, diventato famoso col nome di Salt Bae, lo stesso locale, per intenderci, dove nelle scorse settimane furono "intercettati" allo stesso tavolo Messi e Pogba. E' sempre difficile dopo una partita, ero molto coinvolto emotivamente.

Gli haters sul web, si sa, possono infastidire anche le persone più miti e tranquille.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE