Cannabis sempre piu' potente, rischio aumento pericolosità

Barsaba Taglieri
Gennaio 6, 2019

Ecco perchè se i livelli di thc sono troppo alti, o al contrario quelli di Cbd sono troppo bassi, si crea uno squilibrio che rischia di provocare un aumento di patologie psicotiche, oltre ad un'eccessiva dipendenza. In tutto il mondo, hanno fatto lo stesso circa 192 milioni di persone, sia in Paesi dove la sostanza è legale, sia dove è assolutamente proibita.

"Lo rivela il primo studio europeo di questo genere, pubblicato sulla rivista "Addiction" dai ricercatori dell" Università di Bath e del King" s College di Londra, che attinge dai dati raccolti in 28 Stati membri dell" Ue, nonché dalla Norvegia e dalla Turchia e dall" Osservatorio europeo per le droghe e la tossicodipendenza.

I risultati emersi dalla recente ricerca hanno evidenziato, in particolare, che nei prodotti cannabinoidi la concentrazione di Thc, principale sostanza psicoattiva della cannabis, è passata statisticamente negli ultimi 10 anni, dal 5 per cento al 10 per cento. Anche il prezzo della resina di cannabis è aumentato, ma in misura minore rispetto alla cannabis "vegetale". Il Cbd ha recentemente suscitato notevole interesse a causa della sua capacità di trattare diverse condizioni mediche tra cui sindromi da epilessia infantile, psicosi e ansia.

C'è il rischio che aumentino i danni derivati dalla cannabis in tutta Europa che sta diventando sempre piu' potente, sia in forma di erba che di resina.

Quando è presente nella cannabis, il Cbd può compensare alcuni degli effetti dannosi del Thc, come la paranoia e la menomazione della memoria. "Il Cbd ha il potenziale di rendere la cannabis più sicura, senza limitare gli effetti positivi che gli utenti cercano - spiega Tom Freeman, del gruppo Dipendenze e salute mentale del Dipartimento di Psicologia dell'Università di Bath - Quello che stiamo vedendo in Europa è un aumento di Thc e i livelli stabili o decrescenti di Cbd, rendendo potenzialmente la cannabis più dannosa".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE