RC Auto: l'identikit degli italiani che pagheranno di più nel 2019

Paterniano Del Favero
Gennaio 5, 2019

Con l'inizio del nuovo anno si parla sempre di aumenti, come quelli per le sanzioni, costi che diventano sempre più alti per le famiglie e per gli automobilisti che hanno subito un aumento del premio medio delle tariffe RC auto già a dicembre. Oggi aggiungiamo una cattiva notizia che riguarda chi ha denunciato un sinistro con colpa nel corso del 2018, che vedrà aumentare la propria classe di merito e il costo dell'assicurazione stessa.

Dati interessanti arrivano anche esaminando le professioni dichiarate in fase di preventivo di rinnovo; gli insegnanti sono la categoria professionale che in percentuale maggiore ha denunciato sinistri con colpa e, tra loro, il 7,50% vedrà un peggioramento della classe di merito.

A riportare il dato è un'indagine condotta da Facile.it secondo cui il dato in percentuale corrisponde al 3,83% del campione analizzato (500mila preventivi di rinnovo Rc Auto). Lo studio, inoltre, sottolinea come gli incidenti con colpa siano causati più spesso da donne che da uomini: tra le prime, infatti, hanno denunciato sinistri con colpa il 4,33%, mentre tra gli uomini solo il 3,55%. Il dato risulta superiore alla media nazionale (3,83%); la buona notizia, però, è che il valore regionale risulta in calo rispetto all'anno precedente, quando la percentuale di automobilisti umbri che erano ricorsi all'assicurazione per un sinistro con colpa era pari al 6,22%. Secondo i risultati dell'indagine, nel 2018 sono oltre 11 milioni di automobilisti che sono riusciti a ridurre la spesa trovando un'offerta migliore.

Le differenze negli aumenti possono cambiare anche da regione a regione: la percentuale più alta di automobilisti che hanno denunciato all'assicurazione un sinistro con colpa che farà scattare l'aumento delle tariffe Rc Auto è la Liguria (5,09%), seguita dal Lazio, dove il 4,95% degli automobilisti vedrà un aumento delle tariffe assicurative. A Bergamo è interessato il 4,16% degli automobilisti, una percentuale leggermente inferiore rispetto alla media regionale, che si attesta al 4,25.

Nel complesso, secondo il sondaggio, il 3,55% degli automobilisti che vedrà aumentato il costo dell'assicurazione auto è di sesso maschile mentre il 4,33% di sesso femminile, e l'età media è invece di circa 46 anni. Nessuna novità, invece, rispetto alla classifica degli automobilisti più virtuosi; stabili nelle prime posizioni gli ecclesiastici (2,23%) e le forze armate (2,49%). Sono stati registrati in Molise (1,13 per cento), Calabria (1,52 per cento) e Basilicata (1,53 per cento). Dati in aumento invece in Valle d'Aosta, dove la percentuale passa da 2,70% al 3,23%.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE