Fattura elettronica: l'Agenzia delle Entrate comunica che non ci sono anomalie

Paterniano Del Favero
Gennaio 5, 2019

Dal 1° gennaio 2019 tutte le fatture emesse, a seguito di cessioni di beni e prestazioni di servizi effettuate tra soggetti residenti o stabiliti in Italia, potranno essere solo fatture elettroniche.

Proprio per assistere i cittadini e aiutarli a orientarsi nel nuovo quadro normativo, il Codacons annuncia di avere attivato un servizio di consulenza telefonico in materia fiscale, così da assistere i contribuenti alle prese con le tante novità normative dell'anno d'imposta 2018.

Peccato che la realtà sia ben diversa.

È un modo per il Fisco per ricevere informazioni sulle transazioni quasi in tempo reale e incrociarla per individuare eventuali anomalie ed evasione fiscale. Attenzione: il provvedimento del Garante in realtà introduce ulteriori restrizioni, non ritenendo lecita la trasmissione di fatture elettroniche da parte dei professionisti sanitari (neppure in via opzionale) fino a quando il sistema non sarà adeguato in termini di tutela della privacy.

Da qualche giorno, come previsto dalla legge, è obbligatoria l'introduzione della fatturazione elettronica. "E' evidente che chi ha scritto queste diposizioni non ha mai emesso fattura". Si tratta di un cambiamento che riguarderà le abitudini di tantissime persone. "Sta accadendo quello che temevamo e che per certi aspetti avevamo preannunciato in occasione dei nostri incontri tecnici in preparazione dell'entrata in funzione del nuovo sistema". Sistema di Interscambio (SdI). Nessuna anomalia o rallentamento sul portale fatture e corrispettivi.

L'Agenzia delle Entrate ha messo a disposizione ad i contribuenti titolari di una partita IVA una serie di strumenti per consentire loro di emettere fattura elettronica.

- Qr-Code e servizi dell'Agenzia: per agevolare la predisposizione e l'invio delle fatture elettroniche tramite Sdi, l'Agenzia rende disponibile ai contribuenti titolari di partita Iva il servizio di generazione del Qr Code: un codice a barre bidimensionale da mostrare al fornitore tramite smartphone, tablet o su carta.

La fattura elettronica è diventata obbligatoria dal primo gennaio 2019.

"L'entrata in vigore della fatturazione elettronica mette in luce l'inadeguatezza di una misura che, invece di semplificare la vita alle aziende, la complica".

La normativa prevede l'addio alla vecchia fattura cartacea che viene integralmente sostituita da quella in formato elettronico. Come devo inviare la fattura elettronica ai clienti non Iva? In caso di esito positivo, il Sistema di interscambio consegna la fattura al destinatario.

I dati obbligatori da riportare nella fattura elettronica sono gli stessi che si riportavano nelle fatture cartacee oltre all'indirizzo telematico dove il cliente vuole che venga consegnata la fattura.

Infine si fa presente che nella sezione Fatture e Corrispettivi del sito dell'Agenzia delle Entrate sono state aggiornate le FAQ relative all'obbligo di emissione della fattura elettronica principalmente per quanto riguarda i piccoli commercianti al minuto. "Si è voluta imporre un'operatività per la quale neppure l'Agenzia delle Entrate stessa era pronta - rimarca Casagrande - così si registrano danni a carico di chi ha già supportato costi".

La fattura elettronica deve essere infatti trasmessa al cliente il Sistema di Interscambio, una sorta di "postino" che controlla se tutti i dati inseriti sono corretti.

Per gli esercenti e gli artigiani che operano solo con consumatori finali ed emettono scontrini e ricevute fiscali l'obbligo è rimandato.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE