Farmaceutica, Brystol-Myers acquisisce Celenge per 74 Mld di dollari

Paterniano Del Favero
Gennaio 5, 2019

Bomba sul comparto farmaceutico globale.

Nei termini dell'operazione (che dovrebbe concludersi entro il terzo trimestre di quest'anno) gli azionisti di Celgene riceveranno un'azione Bristol-Myers Squibb e 50 dollari per titolo (pari a 102,43 dollari per azione complessivi facenti riferimento alla chiusura di ieri), con un premio del 53,7%.

Il nuovo anno parte col botto nel settore farmaceutico: Bristol-Myers Squibb ha trovatto l'accordo per l'acquisizione della Celgene, in un'operazione che - tra contanti e azioni - vale 74 miliardi di dollari.

Bristol-Myers è un colosso che ha aperto la strada all'immunoterapia del cancro con il suo Yervoy e più tardi con Opdivo, ma è stato messo sotto pressione dal Keytruda, il trattamento rivale della Merck, che cura il cancro al polmone, il più redditizio mercato dell'oncologia. L'utente riceverà anche una commerciabili contingente valore per ogni tipo di Celgene azione, consentendo al titolare di ricevere un $9 pagamento in caso di future condizioni regolamentari colpito. Di fatto nascerà "una società leader nella biofarmaceutica - si legge in un comunicato aziendale - ben posizionata per rispondere alle esigenze di persone affette da cancro, malattie infiammatorie e immunologiche, patologie cardiovascolari attraverso farmaci innovativi di alto valore e capacità scientifiche all'avanguardia".

Azionisti di Bristol-Myers Squibb Co., con sede a New York, sarebbe proprio circa il 69 per cento della società, con Celgene azionisti che possiedono circa il 31 per cento.

Due velocità per i titoli a Wall Street: BMY perde il 13,14% a 45,54 dollari mentre CELG avanza del 25,77% a 83,81 dollari.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE