IPad Pro 2018, Apple conferma la leggera piegatura dello chassis

Geronimo Vena
Dicembre 23, 2018

Stando alla recente campagna di marketing di Apple, i nuovi iPad Pro sono meglio di un computer: l'edizione 2018 dei gadget a tavoletta di Cupertino è veloce, sicura e votata alla portabilità totale.

Alcuni possessori di iPad Pro 2018 hanno comunicato su diversi forum che sui propri dispositivi si era formata una piccola curva senza alcun maltrattamento o stress anormale esercitato sull'involucro metallico.

La compagnia ha prontamente replicato alla redazione di The Verge, senza alcun timore e basandosi sulla certezza della solidità del proprio, lussuoso, terminale. È questa l'accusa fatta nei confronti di Apple da parte di alcuni utenti che hanno notato una curvatura strana sul loro nuovo iPad.

Il problema riguarda la scocca in metallo del nuovo e sottilissimo iPad Pro: un difetto che sembra riscontrarsi tanto dopo poche settimane d'utilizzo quanto subito dopo l'acquisto. Pare che il fenomeno scaturisca dal processo di produzione degli stessi.

In seguito ad un raffreddamento di plastiche e metalli, a detta dell'azienda, è normale una minima torsione del corpo del dispositivo.

Certo, visto l'elevato costo di partenza di iPad Pro 2018, disponibile in due modelli da 11 e 12,9 pollici, l'amara scoperta di questo difetto risulta quasi una beffa ai danni degli utenti acquirenti.

Apple ha infatti affermato che, indipendentemente dalla natura delle curve (sia che siano arrivati a casa già così o che l'abbiano sviluppate nel tempo), queste non dovrebbero "peggiorare o influenzare negativamente le prestazioni dell'iPad Pro".

Le segnalazioni sono aumentate da quando il famoso YouTuber JerryRigEverything ha pubblicato online un video mentre si appresta ad eseguire drop test sull'iPad Pro, dove in molti hanno trovato davvero troppo semplice spaccare il corpo del tablet ed in seguito a una pressione per nulla violenta.

Apple non aggiorna il modello più piccolo di iPad dal settembre 2015.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE