Manovra, trattativa ad oltranza con l'Ue: ballano 6 miliardi

Paterniano Del Favero
Dicembre 15, 2018

Così invece il premier Conte: "Nella negoziazione con l'Ue per il saldo della manovra dal 2,4% siamo potuti scendere al 2,04%", con la Commissione che ha giudicato il taglio alla stregua di una modifica "significativa e molto importante".

Conte spiega che non si andrà oltre il 2,04 per cento riformulato per il rapporto deficit-Pil: "Il saldo che abbiamo presentato è quello". Tria rientra a Roma e lascia a Bruxelles, dove "restano i tecnici, resta il mio staff, con cui resto sempre in contatto", ha spiegato. La manovra è attesa in Aula martedì pomeriggio, con il testo che dovrà poi tornare alla Camera per il via libera finale. Non solo, come ha spiegato lungamente il ministro Tria ai commissari Ue, ci saranno anche risparmi a valle dell'entrata in vigore delle misure derivanti dal fatto che non tutta la platea stimata aderirà (il discorso vale in particolare per la riforma delle pensioni). "L'Italia non è con il cappello in mano, ha elaborato una manovra ben costruita, ben meditata e anche quest'ultimo passaggio non è frutto di un ripensamento dell'ultima ora", ha sottolineato. Per il premier "sono momenti febbrili e intensi per l'attività di governo". "Su quello bisogna costruire qualche tecnicalità: non abbiamo altri margini". Il 2,4%, ha aggiunto il premier, "era la somma che ci poteva garantire di non tradire la fiducia dei cittadini".

Parlando sulla trattativa che si sta svolgendo a Bruxelles sulla manovra italiana, lo stesso Di Maio ha detto che "Spenderemo un po' di meno ma solo perché ci sono dei soldi che ci avanzano, ne avevamo previsti in più di quelli che servivano. Le misure non cambiano, solo che dalle relazioni tecniche stiamo scoprendo che avevamo previsto più soldi".

"Riteniamo che la nostra sia un'ottima proposta anche nell'interesse degli europei" aveva fatto sapere, ieri, il presidente del Consiglio ma l'ala più dura dell'Ue non sembra essere d'accordo.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE