Tragedia discoteca, sei vittime e feriti

Ausiliatrice Cristiano
Dicembre 9, 2018

Pochi minuti fa hanno parlato i medici dell'ospedale marchigiano e per i ragazzi ricoverati si parla di trauma cranico e trauma toracico sono le lesioni riportate. È il bilancio di quanto avvenuto all'1 della notte tra venerdì e sabato nella discoteca "Lanterna azzurra" di Corinaldo, affollata di giovani che erano in attesa del concerto del rapper Sfera Ebbasta. Sei addetti alla sicurezza sono stati portati nella caserma dei carabinieri per raccogliere le loro testimonianze.

Le prime ricostruzioni dei carabinieri, quelle che ipotizzano l'utilizzo di uno spray urticante come causa della ressa, ricordano molto la dinamica della grande calca in piazza San Carlo a Torino del 2 giugno 2017, quando durante la proiezione di Juventus-Real Madrid un falso allarme provocò una fuga generale che uccise una donna, Erika Pioletti.

"La sala principale aveva una capienza di 469 persone, sono stati venduti 1300 biglietti".

CI sono delle novità importanti sulle condizioni di salute dei 7 ragazzi rimasti feriti nella tragedia della discoteca di Ancona. Una balaustra di un ponticello situato in una delle uscite di sicurezza non ha retto alla calca, molti ragazzi sono precipitati nel vuoto per alcuni metri una sull'altra.

Intanto si indaga per omicidio colposo.

SFERA EBBASTA: "Sono profondamente addolorato per quello che è successo ieri sera a Corinaldo". Non risultano ancora iscritti nel registro degli indagati.

Cinque minorenni e una mamma che accompagnava il figlio sono le vittime della strage avvenuta nella notte nella discoteca 'Lanterna azzurra' di Corinaldo, in provincia di Ancona.

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA: "È una tragedia che lascia impietriti". Si dovrà fare piena luce sull'accaduto, accertando responsabilità e negligenze. Intervistato dalla trasmissione I Lunatici, in onda su RaiRadio2, il padre di un bambino ha raccontato la fortuna che ha salvato suo figlio. Chi era quella persona incappucciata? A Corinaldo e ad Ancona arrivano il premier Giuseppe Conte e poi il ministro dell'Interno Matteo Salvini.

Morti discoteca, il presidente Ceriscioli: "Ennesima tragedia per le Marche". Il rispetto delle regole è il rispetto per la vita. "Il sistema sanitario si è mostrato efficiente anche sul fronte dell'assistenza psicologica". La famiglia vive a Senigallia. Nelle immagini dei vigili del fuoco, il soccorso ai feriti all'esterno del locale.

Ai loro familiari e alle comunità marchigiane sconvolte da una simile tragedia, la nostra redazione si stringe in un doloroso abbraccio.

Questo comportamento, secondo lo studio italo-tedesco cui ha partecipato l'Istituto per le applicazioni del calcolo del Consiglio nazionale delle ricerche (Iac-Cnr) di Roma, puo' anche essere sfruttato in maniera positiva per 'orientare' i movimenti di una folla in situazioni di emergenza, magari mescolando ad essa soggetti che sappiano precisamente come comportarsi. Ceriscioli ha quindi sottolineato come la risposta del servizio sanitario regionale sia stata adeguata e continui ad esserla per gli assistiti in codice rosso e per la settantina di persone distribuite, secondo la gravità, nelle diverse strutture territoriali. Il vicepremier Di Maio ha scelto di divulgare i nomi delle vittime tramite il suo account Facebook personale: sono Asia Nasoni, 14 anni, di Senigallia; Daniele Pongetti, 16 anni, di Senigallia; Benedetta Vitali, 15 anni, di Fano; Matttia Orlandi, 15 anni, di Frontone; Emma Fabini, 14 anni, di Senigallia e la mamma Eleonora Girolimini, 39 anni, di Senigallia. "Devono accertare tutte le condizioni di sicurezza per prevenire tragedie del genere".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE