Manovra: ok incentivi a auto elettriche e tasse a chi inquina

Paterniano Del Favero
Dicembre 9, 2018

Ad annunciare la novità del bonus-malus auto è stato il viceministro Luigi Di Maio che, in una dichiarazione all'Ansa, ha riferito dell'inserimento in manovra di una norma studiata per incentivare l'acquisto di auto elettriche. Sopra i 150, e fino ai 160, il salto è grande: si pagherebbero 1.000 euro, che diventano 1.500 fra 160 e 175 g/km, 2.000 fra i 175 e i 190 g/km, 2.500 fra i 190 e i 250 g/km, 3.000 per tutte le macchine nuove che emettono più di 250 g/km di CO2. Se diventasse legge, la tassa si applicherebbe alle moderne Euro 6 i in vendita oggi: l'acquirente dovrebbe sborsare dai 150 ai 3.000 euro, a seconda del livello delle emissioni di CO2.

L'emendamento che prevede incentivi a auto elettriche ha un'altra faccia della medaglia: per le auto nuove ci sarà un aggravio in relazione alle emissioni.

Ecco, se c'è una cosa che l'emendamento alla Legge di Bilancio inserito martedì in "notturna" nella Legge di Bilancio dai sottosegretari alle Infrastrutture e Trasporti, Michele Dell'Orco e allo sviluppo economico, Davide Crippa, è riuscita ad ottenere, è stata la saldatura mai così estesa e compatta di protesta da parte di tutte le forze economiche industriali, politiche e sindacali. che ruotano intorno all'automotive. Mancano ancora i dettagli, ma si parla di una dotazione in bilancio di 300 milioni di euro per il 2019. "La proposta invece di costituire una soluzione peggiorerà il problema sia dell'inquinamento, sia delle entrate dello Stato, sia dell'impatto sul mercato e, conseguentemente, sui livelli occupazionali delle nostre aziende in cui oggi sono impiegati più di 120.000 addetti", denuncia il presidente Adolfo De Stefani Cosentino. Nel mirino non solo il bonus, ma anche la penalizzazione di autovetture Euro 6, dice ancora, "porterebbe a un rallentamento del rinnovo del parco senza eliminare le vetture più inquinanti e comporterebbe inoltre un minore gettito di Iva e Ipt dovuto ad una riduzione del mercato che non compenserebbe neppure in minima parte il maggior gettito derivante dal 'malus'".

"Abbiamo pensato una norma per aiutare chi decide di comprare un'auto ibrida, elettrica o a metano". Incentivi per le auto elettriche, ibride e a gas, e "disincentivi" per quelle con motori tradizionali. Chi continuerà a preferire SUV o crossover, con il nuovo meccanismo, arriverà a pagare 100-150 euro per i modelli come la Renault Captur, 400/500 euro per la Opel Mokka e l'Alfa Romeo Stelvio fino ad arrivare ai 2.500 fissi della Land Rover Discovery. Concordano tutti i sindacati.

"Finirà che gli operatori del settore auto e i lavoratori dovranno scendere in piazza insieme". Per il numero uno della Uilm, Rocco Palombella, "colpire il comparto dell'auto significa mettere a repentaglio decine di migliaia di posti di lavoro".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE