Checco Zalone: Salvini e Di Maio si prendono in giro da soli

Ausiliatrice Cristiano
Dicembre 8, 2018

Questa volta non per gli incassi da capogiro di uno dei suoi film comici (ricordiamo che con Quo Vado? e con Sole a catinelle detiene, rispettivamente, il secondo ed il terzo posto nella classifica dei film che hanno incassato maggiormente in Italia, dietro ad Avatar), ma per aver dato voce al suo pensiero riguardo Matteo Salvini e Luigi Di Maio.

La notizia, data oggi a Repubblica dal regista, rivela per la prima volta chi si cela dietro a "Gratis dinner", nome del gruppo che firma la colonna sonora del film: si tratta di Luca Medici, Giuseppe Saponari e Antonio Iammarino.

Prodotto da Fabrizio Donvito, Benedetto Habib, Marco Coen, il film è una produzione Indiana Production con Vision Distribution e vede protagonisti Pierfrancesco Favino, Valerio Mastandrea, Rocco Papaleo e Sergio Rubini, Margherita Buy, Alessandro Haber, Matilde Gioli, Giulia Bevilacqua, Lele Vannoli e con la partecipazione di Valeria Solarino, Roberta Procida, Luis Molteni, Marco Todisco e Antonio Iuorio. "Salvini e Di Maio si prendono già per il culo da soli".

Checco Zalone: "Prendere per il c..." La discussione politica però è una delle parti fondanti della quotidianità di una società, seppur liquida, e il tema scelto da Zalone per il prossimo film è di grandissima attualità. Mentre lui girava io componevo dei temi un po' dissonanti, glieli suonavo alla tastiera e lui: 'Bellissimo! Far ridere prendendo un personaggio in auge ormai è quasi impossibile, più che altro perchè i personaggi forti, i leader, si servono dei nostri stessi media e li sentiamo vicini. "Bellissimo!". Pensavo mi prendesse per il culo".

Parla senza freni Zalone della situazione politica attuale, "Non è più irriverente prendere per il culo Salvini o Di Maio". "Ho scritto già due canzoni per il film - dice - Una si chiamerà "Se t'immigra dentro il cuore". Batterli sul loro terreno.

Poi Zalone racconta: "Ho mandato una canzone a Mina e... non ebbi risposta".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE