Fiat 500 elettrica in arrivo a Mirafiori insieme alla cassa integrazione

Paterniano Del Favero
Dicembre 7, 2018

La cassa integrazione straordinaria avrà il via a partire dal prossimo 31 dicembre e terminerà il 29 dicembre 2019.

Gli ammortizzatori sociali saranno utilizzati per l'avvio produttivo, nel primo trimestre del 2020, della piccola a batterie e per fronteggiare il calo di domanda registrato dai modelli Maserati, prodotti sia a Mirafiori sia all'Agap di Grugliasco.

Da quanto si apprende, inoltre, a gennaio è previsto il trasferimento di lavoratori dall'Agap di Gruglisco a Mirafiori per un massimo di 800 addetti complessivi. Il provvedimento riguarda, in tutto, circa 3mila lavoratori.

Oltreoceano, Fiat sta faticando non poco e potrebbe ritagliarsi uno spazio importante nel mercato delle auto elettriche grazie alla nuova Fiat 500 Elettrica che andrà a sostituire l'attuale Fiat 500E, il modello a zero emissioni, prodotto da FCA solo per rispettare le normative di alcuni stati americani, che, come dichiarato a suo tempo da Marchionne, veniva venduto in perdita dal gruppo.

"Sottolineo - afferma Chiarle - l'importanza di alcuni passaggi chiave nella richiesta di cigs di FCA come gli interventi sui fabbricati del sito "anche al fine della loro predisposizione per le future necessità" in quanto continuo a ritenere che a Mirafiori l'assegnazione di modelli non è conclusa con la 500E". "Siamo alla concreta ripartenza, sebbene paradossalmente con l'utilizzo di un ammortizzatore sociale, ma tutti, e chi lo nega lo fa strumentalmente per non ammettere i suoi errori, sappiamo che il percorso per rilanciare Mirafiori doveva avere queste tre fasi: annuncio investimenti con 5 miliardi in Italia, gestione con ammortizzatore senza licenziamenti, con formazione e riqualificazione e produzione nuovi modelli", conclude Chiarle. "Vigileremo affinché gli impegni assunti vengano concretizzati nei fatti", ha commentato Dario Basso, segretario della Uilm Torino. "Si farà anche ricorso a uscite incentivate e volontarie ma anche questo è già stato concordato a aprile, anche dalla Fiom", aggiunge il comunicato.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE