E la fine del geoblocking: acquisti online no-limits

Paterniano Del Favero
Dicembre 6, 2018

Da domani, lunedì 3 dicembre del 2018, scatta ufficialmente la rivoluzione in Rete per quel che riguarda gli acquisti online.

In breve, questo provvedimento riguarderà tutti i venditori e fornitori di servizi che dovranno adottare gli stessi prezzi e condizioni di vendita destinate agli acquirenti locali anche per qualsiasi consumatore proveniente da un altro paese europeo. Al tempo stesso le imprese vedranno la clientela ampliarsi oltre confine e beneficeranno di una riduzione dei costi amministrativi e di transazione.

È possibile acquistare prodotti online senza pagare sovrapprezzi.

Il nuovo regolamento rientra nel programma di riforme e di aggiornamento della normativa voluto dalle istituzioni europee per la creazione del "Digital Single Market", il Mercato Unico Digitale europeo, privo di barriere e con regole armonizzate tra tutti i Paesi dell'Unione. Se si è in Europa, si devono fare prezzi uguali. Devono inoltre definire misure efficaci, proporzionate e dissuasive applicabili alle violazioni del regolamento.

La nuova norma però non potrà essere applicata ai prodotti audiovisivi e in generale coperti da copyright come ad esempio e-book, musica, videogiochi e software, per cui resta valido il principio della territorialità. Lo sappiamo bene: si trova l'oggetto del desiderio e si scopre di non poterlo acquistare perché è in vendita in un Paese dal quale il sito Web cui ci rivolgiamo impedisce la possibilità di completare l'ordine. Ma anche addio a possibili blocchi o reindirizzamenti automatici verso un altro sito web a causa della nazionalità, del luogo di residenza o dell'ubicazione temporanea. Il regolamento (UE) 2018/302 ("regolamento sui blocchi geografici"), che entra in vigore oggi, intende offrire maggiori opportunità ai consumatori e alle imprese nel mercato interno dell'UE. L'azienda è obbligata a trovare un accordo con il cliente in modo che possa ritirare l'acquisto dal commerciante o scegliere la spedizione in una località coperta dal servizio spedizioni del commerciante.

I consumatori senza dubbio ringraziano mentre i commercianti "classici" temono una nuova batosta.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE