Jeff Bezos: "Amazon un giorno fallirà, dobbiamo ritardarlo"

Paterniano Del Favero
Novembre 20, 2018

Amazon è una delle piattaforme di e-commerce online più famose al mondo, quest'anno ha raggiunto la soglia del valore mille miliardi, cifra raggiunta solamente da Apple fino ad ora. Soprattutto dopo la notizia che gli sconti pazzi quest'anno dureranno ben una settimana. L'azienda, fondata nel 1995 in un garage da Jeff Bezos (il nome iniziale era cadabra.com), oggi vale quasi 1.000 di dollari e il suo stesso fondatore è diventato di recente l'uomo più ricco del mondo, con un patrimonio personale che supera i 130 miliardi dollari. Non la pensa così lo stesso fondatore e amministratore delegato, Jeff Bezos, che ha risposto a una domanda sul futuro del colosso retail, posta da un suo dipendente, in un evento che si è svolto ieri a Seattle.

Le dimensioni ciclopiche che ha oramai assunto Amazon non sembrano preoccupare Bezos, che mette anche in conto un aumento dei controlli da parte delle autorità antitrust in America, Europa e altrove.

"Amazon non è troppo grande per fallire", ha detto Bezos. Amazon infatti non è stata definita da Bezos una società "troppo grande per fallire", anzi il contrario.

Jeff Bezos fondatore presidente e amministratore delegato
Jeff Bezos fondatore presidente e amministratore delegato

Certo è anche che queste dichiarazioni non vogliono presagire un fallimento imminente, e nemmeno intendono colpire profondamente l'azienda, specialmente ora che stanno per arrivare Black Friday e Natale, i periodi più prolifici dell'anno.

Ecco le sue parole: "prevedo che un giorno Amazon fallirà. Andrà in bancarotta. Se si guarda alle altre grandi aziende si nota che la durata della loro vita si aggira intorno ai 30 anni, non ai 100". "Dobbiamo cercare di ritardare quel giorno il più a lungo possibile".

La soluzione, secondo Bezos, potrebbe essere quella di focalizzarsi in maniera ancor più evidente sui clienti piuttosto che sulle proprie condizioni interne. In co18nclusione ha dichiarato: "Se inizieremo a concentrarci su noi stessi anziché sui clienti sarà l'inizio della fine".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE