Rifiuti in Campania, tensione tra Salvini e Di Maio sugli inceneritori

Paterniano Del Favero
Novembre 16, 2018

Oggi è successo con gli inceneritori: Salvini, a Napoli per il comitato per l'ordine pubblico e la sicurezza, ha detto che in Campania, terra di Luigi Di Maio, "serve un termovalorizzatore per ogni provincia perché se produci rifiuti li devi smaltire..." Questo vale soprattutto per gli enti locali, penso a tutti quei sindaci e alla stessa regione Campania che ha sempre detto no, no, no e dei rifiuti cosa ne facciamo? "Se si volesse pensar male si potrebbe supporre che non si è fatto niente come termovalorizzatori e sistema di smaltimento perché qualcuno ha interesse che non si faccia niente". "A metà gennaio va in manutenzione l'unico termovalorizzatore della regione, è in pratica una emergenza annunciata". "La terra dei fuochi è un disastro legato ai rifiuti industriali (provenienti da tutta Italia), non a quelli domestici. Quindi gli inceneritori non c'entrano una beneamata ceppa e tra l'altro non sono nel contratto di Governo" ha scritto Di Maio su Facebook. "Il futuro che vogliamo in tutta Europa e' senza inceneritori e senza camorra". Io non vorrei che fra due mesi Napoli e la Campania avessero un'emergenza sanitaria. E dire che Salvini - che ha incassato anche una protesta dei centri sociali con un ragazzo ferito - a Napoli aveva iniziato a parlare del "bicchiere mezzo pieno". Quando Acerra si ferma per la manutenzione a gennaio, io voglio che ci sia una soluzione per i napoletani e per i campani. "Oggi c'è un'emergenza in Campania, quella degli incendi negli impianti, ed è lì che il Viminale ha una responsabilità importante che sono certo saprà fronteggiare molto meglio di come ha fatto finora", ha detto. Il Contratto di Governo, ha poi ribadito Salvini, "l'ho letto e riletto e l'ho scritto". Ma per Costa "quando arriva l'inceneritore, o termovalorizzatore, il ciclo dei rifiuti è fallito". "Chi non è in sintonia con queste direttrici vive in un'epoca passata". Per il vicepremier in Campania si rischia "il disastro ambientale". Ma qua c'è da dare risposte a famiglie che non meritano di pagare tasse sui rifiuti e vivere fra roghi tossici e discariche abusive.

A Di Maio fanno eco i deputti M5s in commissione Ambiente, dopo l'intervento critico del ministro Costa: "Sia il Contratto di governo, che punta al superamento degli inceneritori non a costruirne di nuovi, sia i numeri della produzione dei rifiuti in Campania e lo stato d'avanzamento della raccolta differenziata nella Regione, escludono industrialmente la realizzazione di nuovi impianti incenerimento" (TgCom). Così il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ha replicato alle parole del ministro dell'Interno, Matteo Salvini.

L'emergenza rifiuti in Campania crea tensioni nel governo gialloverde.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE