Milan, ufficiale: due giornate di squalifica per Higuain

Rufina Vignone
Novembre 14, 2018

A fronte delle cifre elencate e dell'incertezza societaria nella quale naviga ancora il Milan, secondo la Gazzetta dello Sport, non è un caso che Higuain non abbia speso neppure una parola contro la Juventus e i suoi ex compagni di squadra. La risposta, probabilmente, è che Mazzoleni non abbia nemmeno pensato al doveroso provvedimento disciplinare. "Non ha detto niente di che.". Mi prendo la responsabilità, ovviamente questo non deve succedere più ma è chiaro che quando stai perdendo e dopo aver sbagliato un rigore la frustrazione si è fatta sentire. ". Non è bastato però a fermare l'ondata di rimproveri". La decisione di farmi andare via non è stata mia. "Devo stare più sereno, ma sono stato così tutta la carriera, è difficile cambiare adesso". "Sono tra i piu' forti d'Europa".

L'attaccante rossonero ha rischiato grosso visto che per nervosismo si è beccato un doppio giallo che ha lasciato il Milan in dieci nel big match contro la capolista. I rigori li sbaglia chi li calcia. Perché Higuain si è sentito rinnegato dalla società che lo aveva strappato per una novantina di milioni al Napoli un paio di anni fa, dopo averle regalato una quarantina di gol e due scudetti. Il Pipita se l'e' sentita e ha tirato, e' stato bravo il loro portiere. Deve imparare a controllarsi meglio a questa eta'.

MILAN (4-4-2): Donnarumma; Abate, Zapata, Romagnoli, Rodriguez; Suso, Kessie, Bakayoko, Laxalt; Higuain, Castillejo.

JUVENTUS (4-3-3) Szczesny; Cancelo, Benatia, Chiellini, Alex Sandro; Bentancur, Pjanic (dal 30' s.t. Khedira), Matuidi; Dybala (dal 34' s.t. Douglas Costa), Mandzukic, Ronaldo.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE