Bari: otto casi di morbillo, focolaio causato da figlia di no vax

Barsaba Taglieri
Novembre 13, 2018

Gli esami dovranno stabilire se il ceppo del morbillo è identico in tutti i contagiati, ma Chironna rileva che qualcosa è andato storto: "O non c'è stato l'isolamento della bambina che rappresenta il caso indice, oppure è stato poco efficace e le maglie si sono allargate". Il focolaio: "La figlia di genitori no vax".

Sarebbero otto i casi di morbillo accertati nell'ospedale pediatrico Giovanni XXIII di Bari. A questi si sommerebbe un sospetto e il rischio che possano seguire ulteriori contagi.

L'ipotesi che la figlia, 10 anni, di genitori contrari alle vaccinazioni abbia innescato diversi casi di morbillo tra bambini a Bari e' valutata dai saniatri dell'ospedale pediatrico Giovanni XXIII del capoluogo pugliese. Nell'articolo, si legge che Il focolaio epidemico sarebbe scoppiato anche per via della tardiva applicazione dei protocolli previsti dalla legge. Per questo il vaccino contro il morbillo, sebbene non obbligatorio in Italia, è fortemente raccomandato dalle autorità sanitarie.

Nel 2017 il Ministero della Salute denunciava un aumento del 230 per cento dei casi di morbillo denunciati (con oltre 700 casi nei primi tre mesi dell'anno contro gli 844 complessivi di quello precedente).

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE