Formula1, Brasile: Hamilton, altra pole; Vettel multato, ma resta 2°

Rufina Vignone
Novembre 11, 2018

Importante sarà, come detto, il consumo degli pneumatici ma anche il meteo, con la possibile presenza della pioggia. Sebastian Vettel, causa anche un lieve errore nel giro decisivo, deve accontentarsi del secondo tempo, staccato di poco meno di un decimo. Seconda fila con Valtteri Bottas (Mercedes) a 160, mentre al suo fianco troviamo Kimi Raikkonen (Ferrari) a 175. L'australiano, suo malgrado, domani subirà una penalizzazione di cinque posizioni in griglia per la sostituzione di una componente della Power Unit.

A chiudere la top ten delle qualifiche sono Romain Grosjean e Pierre Gasly. Gli ingredienti per una gara spettacolare, con i due piloti che si sono contesi il titolo fino alla scorsa gara quando l'inglese è stato incoronato campione del mondo per la quinta volta in carriera, ci sono tutti, ma potrebbero essere i commissari di gara a ribaltare, per l'ennesima volta, il verdetto della pista. Tutti e 6 i motori Ferrari in pista sono tra i primi 10! Terzo un buon Bottas davanti a Kimi.

- Sotto un cielo minaccioso di pioggia comincia il Q1. Subiscono il taglio il belga Stoffel Vandoorne (McLaren), il canadese Lance Stroll (Williams), Fernando Alonso (McLaren), il neozelandese Brendon Hartley (Toro Rosso) e lo spagnolo Carlos Sainz (Renault) che viene beffato per 5 millesimi da Esteban Ocon (RP Force India). Fenomenale Leclerc che si qualifica all'ultimo tentativo nonostante la pioggia. Tutti subito in pista per anticipare le precipitazioni con la consapevolezza di avere al massimo un paio di giri per piazzare il tempo. L'inglese, tuttavia, si rende protagonista di due "numeri" davvero pericolosi in questo round.

Al riguardo c'è molto da premettere: all'inizio delle Q2 tutti sono entrati con le Pirelli supersoft slick per sfruttare la pista ancora asciutta con la pioggia che iniziava a farsi vedere. Nonostante l'azzardo si qualificano senza problemi, ma il miglior crono lo fissa Valtteri Bottas in 1:07.727, con 49 millesimi su Vettel e 69 su Hamilton. Negli ultimi minuti anche Mercedes e Red Bull provano a qualificarsi con le gomme marchiate di giallo, ma non riescono a migliorare i propri tempi (anche per l'arrivo della pioggia) e, dunque, domani scatteranno al via con le Supersoft.

La felice giornata per il team Sauber è per di più completata da Charles Leclerc appena dietro (8° tempo). Al contrario, chi è finito dai commissari è Sebastian Vettel, per non aver rispettato alla lettera le procedure di pesa, sempre in occasione delle Q2. Il pilota della Ferrari ha chiuso con un velocissimo 1'07 " 948, record del circuito (ma non ufficiale), davanti a Lewis Hamilton, a +0.217.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE