Elezioni Usa, ai Dem la Camera Senato rimane Reubblicano

Bruno Cirelli
Novembre 7, 2018

Si tratta di una notizia molto importante perché la norma concede di nuovo il diritto di votare ai condannati che abbiano scontato completamente la loro pena, quindi riammette alle prossime elezioni del 2020 un milione e mezzo di persone - molti neri e molti figli di immigrati - che potrebbero rompere la solita situazione di parità e di incertezza della Florida. Anche prima dell'arrivo dei risultati dalla West Coast, tradizionalmente democratica, la vittoria dei democratici è apparsa consistente, con la Cnn che prevede che alla fine il partito, che aveva bisogno di strappare 23 seggi ai repubblicani per ottenere la maggioranza, potrà arrivare ad avere un maggioranza di 35 seggi. "L'agenda del presidente non cambierà". Lo stesso tycoon si è congratulato telefonicamente con Pelosi.

Il democratico Bernie Sanders, che corre come indipendente, si è aggiudicato le elezioni in Vermont per il Senato, secondo le proiezioni della Cnn, e viene così confermato.

I giovani - I democratici sono riusciti a conquistare i voti delle donne, delle minoranze e soprattutto dei giovani, è giunto al 62% il consenso fra chi ha votato per la prima volta. "È in gioco il carattere, il tessuto morale della nazione". Dopo due anni di scandali in crescendo che di settimana in settimana sembravano sempre più gravi e dannosi e che avrebbero azzoppato qualsiasi altra Amministrazione, Trump esce in pratica indenne - e infatti ringrazia subito via Twitter tutti gli elettori per il "fantastico successo".

La democratica Letitia James batte il repubblicano Keith Wofford e diventa la prima donna afroamericana procuratore generale di New York. Carismatico, ricco, bello e mondano, qualcuno vede in lui un nuovo Kennedy o comunque un possibile candidato per la Casa Bianca.

La California - Con il 55,8% il democratico Gavin Newsom ha battuto il businessman John Herman Cox ed è diventato il nuovo governatore della California, lo stato americano più ricco e potente. In genere l'alta affluenza favorisce i dem ma resta da vedere se con sua intensa campagna in giro per il Paese Donald Trump e' riuscito a mobilitare la sua base.

I dati - Gli americani sono stati chiamati ad eleggere tutti i 435 membri della Camera dei rappresentanti e un terzo dei 100 membri del Senato, 35 senatori, più 36 governatori.

Dopo una battaglia al cardiopalma, il controllo della Camera è andato ai democratici, mentre i repubblicani hanno conservato la maggioranza al Senato. E' la proiezione dei media americani.

Tra le sfide più appassionanti quella in Texas dove per il Senato il repubblicano Ted Cruz ha battuto sul filo di lana il democratico Beto O'Rourke. In Florida, per un seggio al Senato - quando è stato scrutinato oltre il 90% delle schede - il repubblicano Rick Scott è avanti con il 50,4% contro il 49,6% del democratico Bill Nelson.

Il democratico Tim Kaine, candidato vicepresidente con Hillary Clinton nel 2016, ha vinto il seggio al Senato in Virginia, secondo le proiezioni della Cnn. Il repubblicano Ron DeSantis, stretto alleato di Donald Trump, ha vinto di un soffio la corsa a governatore della Florida, battendo il rivale democratico afroamericano Andrew Gillum, per il quale aveva fatto campagna elettorale anche il presidente Barack Obama.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE