Usa e Cina verso la pace commerciale. La telefonata "estremamente positiva"

Bruno Cirelli
Novembre 5, 2018

C'è tempo sino a fine novembre quando si riunirà il G20 in Argentina: un mese entro il quale il presidente americano, Donald Trump, intende raggiungere un accordo sul commercio con la Cina. Così il presidente statunitense Donald Trump e il suo omologo cinese Xi Jinping hanno definito il colloquio intercorso.

Per questo, avrebbe chiesto la preparazione di una bozza con i potenziali termini di intesa, secondo quattro fonti di Bloomberg News; le indiscrezioni su una possibile tregua tra i due Paesi hanno influito sui rialzi odierni delle Borse asiatiche.

È un momento molto importante per le banche europee, in attesa di conoscere i risultati complessivi degli stress test. Gli stress test, effettuati da organizzazioni collegate alla Banca centrale europea, permettono di stabilire se le banche europee possiedono un capitale sufficiente a sostenere una situazione economica che può peggiorare.

L'ambasciatore cinese alle Nazioni Unite ha invitato ufficialmente il consiglio di sicurezza Onu Oltre muraglia per mostrare l'avanzamento urbano e tecnologico di Shenzhen e Guangzhou, ma soprattutto per convincere tutti dell'impegno di Pechino nel mantenimento della pace in vista della presidenza di turno dell'organo decisionale del Palazzo di vetro.

Il disgelo commerciale con la Cina è solo uno dei punti dell'agenda politica di Trump alla vigilia delle elezioni di metà mandato: un appuntamento che, spesso, in passato, ha premiato il partito all'opposizione. "Le squadre di entrambe le parti devono intensificare la comunicazione e il coordinamento su questioni di loro interesse per presentare una proposta accettabile per entrambe le parti", ha aggiunto Xi.

Intanto, il Dipartimento di Giustizia ha annunciato l'ultima di una lunga serie di azioni contro il presunto furto di proprietà intellettuale da parte della Cina.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE