Manovra, Conte: valutazioni Moscovici politiche e non istituzionali

Bruno Cirelli
Novembre 5, 2018

Nel giorno in cui a Bruxelles si svolge la riunione dell'Eurogruppo, il vertice tra i 19 ministri dell'economia della Zona euro, la manovra italiana è necessariamente al centro della scena anche se non è questa la sede in cui saranno prese decisioni definitive sulla procedura di infrazione che Roma rischia dopo la bocciatura arrivata dalla Commissione.

"Se all'improvviso qualcuno dice che queste regole non valgono, parla non solo al popolo ma anche ad altri" ha aggiunto. Nel loro incontro di oggi, i responsabili delle finanze probabilmente sosterranno la posizione della Commissione nei confronti dell'Italia che potrebbe rischiare sanzioni economiche. La linea di Moscovici e Centeno è condivisa dal vicepresidente della Commissione, Valdis Dombrovskis, che ha ripetuto come "il bilancio italiano devia in misura considerevole dalle regole, e dunque serve una correzione considerevole". "Quando ci sono ingredienti come il nazionalismo, come la xenofobia, come gli attacchi contro la libertà di stampa, come gli attacchi contro l'ordine costituzionale, come le minacce contro l'indipendenza della giustizia, c'è un clima nel mondo che è quello della democrazia illiberale nel senso di attacco contro la democrazia delle libertà", ha dichiarato Moscovici, sostenendo che il ministro dell'Interno "è un leader di estrema destra che si spinge verso il nazionalismo e la xenofobia".

Tria, scrive Il Messaggero, farà entrare nel pacchetto della trattativa anche le spese di risanamento dei danni causati dal maltempo e proverà a convincere i partner europei che il 2,4% di deficit/pil è il tetto massimo che l'Italia si impegna a non superare. "Spero che oggi il ministro Tria mi dia informazioni" ulteriori e "forse si possa capire il pensiero dell'Italia", ha aggiunto, aspettandosi una "reazione" da parte della Commissione.

"Temo che l'approccio e i passi assunti dal governo italiano stiano mettendo a rischio questi obiettivi" del "completamento dell'architettura" dell'Eurozona, "questa è la mia preoccupazione". E se l'Italia dovesse presentare la stessa bozza di manovra? Moscovici ha ribadito che 'l'interlocutore è il ministro Tria e credo che abbiamo compreso che occorre che l'Italia rispetti le regole, agisca nel quadro europeo: "auspico un nuovo progetto di bilancio, in tutti i casi non immagino che il dialogo si interrompa, il dialogo restera' tra amici, sara' costruttivo, non posso adesso saltare alle conclusioni". "E quindi, se c'è euro, c'è solidarietà", ha continuato ai microfoni della radio pubblica francese.

Fonti autorevoli hanno confermato al Corriere che Centeno è stato in stretto contatto con Tria, la Commissione europea e vari ministri.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE