Pensioni e reddito di cittadinanza fuori dalla legge di bilancio 2019

Paterniano Del Favero
Novembre 4, 2018

"Sarà necessaria la domanda, anche se a regime, con l'Isee precompilato, per i possibili beneficiari ci sarà un meccanismo quasi automatico di conoscenza del diritto al beneficio e della possibilità di fare domanda". "Quando avremo rinnovato il personale dei centri e messo in rete il software - ha spiegato - i candidati al lavoro saranno accompagnati da un tutor in remoto o personalmente dall'inizio alla fine del percorso".

In questo modo viene a qualificarsi, secondo lo stesso Pagano, come la più grande presa in giro degli italiani degli ultimi decenni. dai dettagli e dalle parole del consigliere di Di Maio Tridico e dalle indiscrezioni della legge di Bilancio, si tratterebbe di una misura che non ha niente a che vedere con quanto promesso in campagna elettorale. Ma vorrei sottolineare che il reddito non sarà un mero sussidio.

"Si possono controllare tutti. Ma rassicuriamo i cittadini: quella stagione si sta chiudendo".

Una cosa va tuttavia detta: al momento non si sa ancora se il reddito di cittadinanza e le pensioni di cittadinanza (780 euro al mese massimo), che costeranno 9 miliardi, e quota 100 per i pensionamenti (62 anni di età e 38 anni di contributi) verranno inseriti direttamente nel disegno di Legge di Bilancio oppure ci si servirà di provvedimenti collegati (o emendamenti) durante il passaggio alle Camere.

"La misura sarà uniforme su tutto il territorio". Se ogni spiegazione che arriva dal Movimento 5 stelle sembra contraddire la precedente, allora ad intervenire ci pensa Matteo Salvini, e lo fa con Bruno Vespa rassicurando: "Con di Maio superate tutte le incomprensioni". Così in Germania, dove al 'sozialhilfe' di circa 404 euro si può aggiungere una indennità per l'alloggio e di sostegno ai trasporti, per circa mille euro complessivi.

E sul taglio alle cosiddette pensioni d'oro Brambilla sottolinea che "qualsiasi manovra che tende a portare via qualcosa a qualcuno che si ritiene essere più ricco, in un Paese con il nostro sistema fiscale e pensionistico, è inaccettabile". Da noi, invece, si sta ragionando su una misura fino a 500 euro più 280 per l'affitto. Il reddito di cittadinanza nella sua complessa e contraddittoria costruzione prevede infatti l'obbligo di donare al comune otto ore lavorative ogni settimana.

Per Piacentini è proprio quest'ultimo il "blocco" più importante, perché permetterà di comprendere se questa policy funziona o meno.

Quante assunzioni servono nei Cpi che oggi impiegano 8mila persone?

Bisognerà anche accettare almeno una delle prime tre proposte di lavoro offerte a chi intende beneficiare del reddito di cittadinanza. Al giardiniere andrà peggio che al tecnico informatico: non troverà un posto di lavoro per sistemare le aiuole pubbliche perché c'è gente come lui che è obbligata a farlo gratuitamente. "Inoltre dovrà essere disponibile a lavori utili alla collettività e se rifiuta tre proposte di lavoro perderà il diritto al reddito".

Tre proposte entro 50 chilometri dalla residenza?

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE