Spalletti: "A Milano sono più tranquillo, mi attaccano di meno"

Rufina Vignone
Novembre 3, 2018

Dopo l'aggancio dell'Inter al secondo posto non si parla d'altro che della lotta a tre per lo scudetto, con Inter e Napoli a contendere il titolo alla super-favorita Juventus. L'esclusione di De Vrij?

Sul gioco della squadra Spalletti è ancora polemico: "Non è certo un caso isolato, nonostante quello che si dice: non è cambiato niente dalla settimana scorsa". Probabilmente una mossa psicologica per non mettere il calciatore nelle condizioni di essere subissato continuamente dai fischi dello stadio.

Joao Mario nuova arma dell'Inter. Ma Spalletti credo gli abbia voluto risparmiare anche il più piccolo rischio di contraccolpo psicologico e, nel frattempo, si tiene in caldo Miranda che sarà utile durante tutto l'arco della stagione. "Il Presidente è stato chiaro, ci sono determinate ambizioni, quindi l'atteggiamento deve essere questo". Ieri la Lazio è stata davvero insulsa, non è stata mai in partita, mai una reazione vera, da squadra ferita. In totale sono solamente 4 su 10 le partite in cui Szczesny o Perin, in campo contro il Bologna, hanno mantenuto la porta inviolata. Siamo contenti di quello che stiamo facendo, sappiamo che dobbiamo continuare su questa strada e faremo quello da qua in avant. Il fumoso secondo tempo della Lazio non ha cambiato il film, anzi la squadra biancazzurra ha provato a reagire ma in modo episodico, commettendo errori tecnici abbastanza paradossali, perdendo palloni facili sugli esterni, là dove Lulic e Marusic hanno fatto il nulla e aprendosi al contropiede nerazzurro, micidiale nel solito Icardi. "Domani ci si sveglia presto e si torna a lavorare".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE