Il Brasile ha scelto Bolsonaro, l'estrema destra al potere

Bruno Cirelli
Novembre 1, 2018

In Brasile Jair Bolsonaro vince il secondo turno delle presidenziali brasiliane con il 55% dei voti contro il candidato del Partito dei Lavoratori Fernando Haddid.

Com'è noto, recentemente Jair Bolsonaro è diventato il nuovo presidente del Brasile. In seguito Battisti trascorse la sua latitanza prima in Messico e in Francia e infine nello stesso Brasile, dove nel 2010 l'allora presidente Lula si rifiutò di estradarlo all'Italia. Il recente declino economico del Brasile, i terrificanti tassi di omicidi e furti e la diffusa corruzione politica hanno dato a Bolsonaro - un militare senza affiliazioni di partito - il terreno fertile perfetto. "Buon lavoro al presidente Bolsonaro, l'amicizia tra i nostri popoli e i nostri governi sara' ancora piu' forte". Il suo primo messaggio dopo la vittoria lo ha affidato a Facebook, come ha spesso fatto anche durante la campagna elettorale.

Il candidato dell'estrema destra si è più volte presentato come il vero difensore del Brasile e ha incentrato il suo discorso sulla sicurezza pubblica, proponendo la reintroduzione delle leggi sull'ordine pubblico in vigore negli anni della dittatura militare (1964-1985). Il paese visse, dopo quella destituzione, una fase d'interregno caratterizzata dalla scialba figura presidenziale di Michel Temer, che ha coinciso con la recessione economica e lo sfaldamento dell'autorità politica, mentre il PT subiva una vera e propria "Tangentopoli" alla brasiliana, tesa ad infamarlo soprattutto davanti ai suoi elettori. Bolsonaro ha raccolto tutto lo spettro del voto anti-Lula - che comprende anche una parte della sinistra che si sentiva emarginata dal Pt - oltre che quello antisistema. "Sono molto grato - ha aggiunto l'ex alto esponente dell'esercito - a tutti voi, per la vostra considerazione, le vostre preghiere e la vostra fiducia", sottolineando che l'esito elettorale ha dimostrato l'effettiva impossibilità di "continuare a flirtare con il socialismo, il comunismo, il populismo e l'estremismo della sinistra".

Blsonaro prenderà possesso della presidenza il 1º gennaio del 2019, sino a gennaio del 2023. A congratularsi con Bolsoanaro anche il presidente americano Donald Trump "lavorare fianco a fianco per migliorare le vite di americani e brasiliani". - ha affermato il presidente USA.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE