Lo chef Vittorio Castellani lascia "La Prova del cuoco": "Anche ai fornelli lo slogan salviniano 'Prima gli italiani'"

Ausiliatrice Cristiano
Ottobre 30, 2018

"Il problema non è non apparire più in televisione - continua - ma l'aria asfittica e la chiusura sempre più forte che si registra nel mondo della comunicazione, e purtroppo non parlo solo della tv, verso la diversità e le culture altre". "E quando mi hanno chiesto di preparare la parmigiana con l'aneto ho capito che non era più il posto per me". Ringrazio i tanti colleghi giornalisti che mi hanno cercato in queste ore per chiedermi di commentare una notizia che in realtà si commenta da sola. Nel nome della tutela del Prodotto Tipico Italiano, dell'identità Nazionale, del Made in Italy, dell'isteria da Km 0 si stanno di fatto chiudendo le porte nei confronti di quel mondo che dovremmo invece conoscere per poterlo comprendere e per poterci dialogare, in modo costruttivo. "Come se i due contenuti non potessero convivere all'interno della stessa trasmissione", scriveva su Facebook. "E allora buona fortuna!". Anche in cucina ormai mi sembra chiaro il concetto "Solo gli italiani", che rappresenta un'estensione dello slogan "Prima gli italiani".

"Lei mi è anche consulente, si legge nei titoli del programma, ma non la vedono mai a Roma", ha commentato l'inviato; "Non voglio dare fastidio. Cerco di essere discreta e di fare la mia consulenza dietro le quinte", la precisazione della conduttrice: "Sono andata via io da La prova del cuoco, quindi sono contenta".

Nessuna restrizione alle ricette presentate, né "pressioni" dall'alto per italianizzare il programma.

In una recente intervista, il volto storico del programma de "La Prova Del Cuoco" Antonella Clerici, ha rilasciato un'intervista in cui critica senza giri di parole la nuova immagine del suo programma di cucina. La Clerici sostiene che il calo degli ascolti è dovuto principalmente nella conduzione del programma. I cuochi che partecipano alla trasmissione, arrivati oggi a 40 dai 160 dei casting estivi, sono vagliati attraverso una scelta editoriale che tiene conto di numerosi fattori, tra cui - come in tutti i programmi - la capacità televisiva e scenica, la qualità del racconto e in ultimo il gradimento del pubblico. Non esiste, invece, alcuna selezione o indicazione 'tematica' sulla cucina presentata: "qualunque affermazione di questo tipo è falsa".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE