Sanità, è scattata la campagna di vaccinazione antinfluenzale dell'Asp di Siracusa

Barsaba Taglieri
Ottobre 27, 2018

A livello globale si stima che le morti per malattie respiratorie dovute all'influenza siano tra 290mila e 646mila. I sintomi sono quelli comuni: febbre oltre i 38 gradi, dolori muscolari-articolari e sintomi respiratori, come tosse, congestione nasale e mal di gola. Stiamo parlando dell'influenza, che anche quest'anno è alle porte.

Il vaccino quadrivalente, che Ats Bergamo e le Asst della provincia di Bergamo raccomandano a tutta la popolazione, in base a indicazioni ministeriali, contiene i quattro sierotipi del virus, al fine di contrastare efficacemente l'attecchimento della malattia.

Nei mesi di novembre e dicembre, su tutto il territorio dell'Ats della Valpadana, sarà possibile aderire alla vaccinazione antinfluenzale gratuita rivolta a tutte le persone appartenenti alle categorie a rischio; la campagna vaccinale, che inizia a Cremona il 5 novembre, proseguirà fino ad esaurimento delle scorte.

"Mai come in questi ultimi anni - sottolinea il direttore generale di Ats Bergamo, Mari Azzi - l'influenza è stata percepita come problema globale". Lo dimostrano l'attenzione dei media, le disposizioni internazionali e nazionali che regolamentano la composizione stagionale del vaccino antinfluenzale e la scelta dei gruppi di popolazione da raggiungere. I risultati che raggiungiamo sono sempre più significativi perché sono i servizi di prevenzione locali a rendere effettivamente operativa l'offerta vaccinale.

Per quanto riguarda invece il vaccino anti-pneumococco sono in corso di spedizione le lettere indirizzate a tutti i cittadini nati nel 1953 con invito a recarsi per la vaccinazione presso gli ambulatori dai medici di famiglia; inoltre, i cittadini nati nel 1952 che sono stati vaccinati l'anno scorso dal proprio medico di famiglia riceveranno una lettera con invito a rivolgersi al proprio medico per ricevere il secondo vaccino antipneumococcico.

Infatti nel periodo di tempo che va dalla nascita ai tre mesi, il bambino non ha alcun tipo di protezione e la malattia circola per via di adulti e adolescenti che hanno deciso di non effettuare i richiami. La vaccinazione - proseguono ancora dall'azienda sanitaria - è il mezzo più efficace e sicuro.

Per ulteriori approfondimenti il Ministero della Salute ha dedicato la sezione FAQ - Influenza e vaccinazione antinfluenzale sul portale www.salute.gov.it mentre sul portale di Ats Bergamo www.ats-bg.it è disponibile il "manifesto antinfluenzale e antipneumococco", vademecum per l'anno 2018 - 2019. Si è parlato anche di questo durante il II Congresso WAidid , l'Associazione mondiale per le malattie infettive, che si è tenuto nei giorni scorsi a Milano, utile per fare chiarezza su tutte le informazioni errate che circolano in merito ai vaccini.

Il vaccino antinfluenzale viene infine offerto a persone che per motivi di lavoro sono a contatto con animali che potrebbero costituire fonte di infezione da virus influenzali non umani (allevatori, veterinari, trasportatori di animali, macellatori).

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE