Moscovici, dall'Italia nessun rischio di contagio

Paterniano Del Favero
Ottobre 21, 2018

L'appuntamento chiave è nel pomeriggio di oggi con il ministro dell'Economia, Giovanni Tria, al termine del quale si svolgerà un punto stampa allo stesso ministero.

"Noi non vogliamo avere nessun tipo di scontro, non ci interessano escalation di eventi".

"Il reddito di cittadinanza - ha continuato Tria - è una misura per consentire alle componenti più vulnerabili della nostra società di tornare a contribuire attivamente sul mercato del lavoro con un tratto chiaro: investiamo su di te se ti impegnerai. Chiediamo una correzione", ha detto il commissario agli Affari economici sottolineando che "le vostre previsioni di crescita non sono realistiche, non corrispondono ad alcuna previsione di qualsiasi organismo internazionale". "Parlarsi è sempre interessante, il dialogo è sempre utile e li vedrei volentieri". E' una lettera che riceveranno altri Paesi, aggiunge il premier smentendo che si tratti di una "deviazione senza precedenti", e' "una lettera che e' prassi ricevere".

"Come Unione Europea, non siamo disposti ad accettare il rischio di caricarci questo debito per l'Italia". Così il cancelliere austriaco Sebastian Kurz arrivando al summit Ue-Asia a Bruxelles. "Proprio per questo si profila un non rispetto particolarmente serio con gli obblighi del Patto".

Oggi e domani il commissario europeo agli Affari economici, Pierre Moscovici, è impegnato a Roma in una serie di incontri mentre il confronto dell'Italia con l'Ue sulla manovra entra nel vivo.

"Manterrò un dialogo costruttivo con ogni Stato membro per assicurarmi che restino impegnati in traiettorie di bilancio sane". Ma la nostra manovra è ben pensata, ben costruita, ben realizzata ed è l'unico strumento che abbiamo per assicurare crescita economica e sviluppo sociale al nostro Paese.

Ma l'Italia risponderà alla lettera di richiamo dell'Ue sulla manovra entro i tempi previsti, ovvero entro mezzogiorno di lunedì' prossimo. Al momento non si prevede un incontro con Jean-Claude Juncker viste anche le agende, piuttosto fitte, sia del presidente della commissione sia di Conte.

Comincia stasera a Bruxelles, attorno alle 19, il tradizionale Consiglio europeo di ottobre, che questa volta ha come piatto forte l'apparente stallo nei negoziati sulla Brexit, e come possibile piatto extra (non previsto dall'agenda) una discussione sulla manovra finanziaria italiana.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE