Teleborsa: Vitalizi, OK del Senato a delibera sui tagli

Bruno Cirelli
Ottobre 19, 2018

Il taglio dei vitalizi - secondo stime ufficiali rese note qualche settimana fa direttamente dal presidente dell'Inps Tito Boeri - farà risparmiare all'Italia 56 milioni l'anno, 40 alla Camera, già effetivi, e 16 al Senato. Non teme nulla nemmeno Luigi Di Maio, che a sua volta twitta: "Detto, fatto". E la dimostrazione sta nel fatto che ancora oggi la Regione abbia una previsione di spesa per pagare i vitalizi agli ex consiglieri di ben 27 milioni di euro a fronte dei soli 3,3 milioni incassati. Questo privilegio non esistera' piu' per nessuno.

Il portavoce del M5s si rivolge anche al governatore Nello Musumeci: "Finora ha sempre evitato d'intervenire, ma adesso o dice la sua oppure dimostrerà di non avere a cuore le sorti della Sicilia, considerando che la Regione sarà penalizzata con il taglio dei trasferimenti se l'Ars deciderà di non abolire i vitalizi". I voti favorevoli sono stati 10, più un astenuto. Il provvedimento è passato senza i voti dei senatori di Forza Italia e del Partito democratico che sono usciti al momento del voto. "Promessa mantenuta" - rilanciando lo slogan "bye bye vitalizi".

Approvato il taglio dei vitalizi anche al Senato. È crollato un muro che separava la politica e le istituzioni dai cittadini. Il diritto pensionistico dei membri del Parlamento europeo deve essere in linea con i sistemi previdenziali previsti per i cittadini ordinari, sia per il calcolo dell'ammontare sia per i requisiti anagrafici e contributivi che definiscono l'età pensionabile. "Sarà così anche per gli ex parlamentari" viene chiarito infine.

"Dopo Camera e Senato - ha aggiunto - tocca alle Regioni". I ricorsi già depositati sono circa 700 e verranno analizzati dalla Camera a partire dal 7 novembre.

Su questo ricalcolo si attende ora la pronuncia della Corte costituzionale che dovrebbe esprimersi il 4 dicembre prossimo, data in cui è stata fissata l'udienza, sull'eccezione di incostituzionalità della legge del 2014 sollevata dal tribunale civile di Trento al quale si sono rivolto gli ex consiglieri, gli stessi che ora potrebbero ricorrere anche contro i tagli romani.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE