Manovra. Lettera Ue a Tria: "Deviazione senza precedenti. Inosservanza particolarmente grave"

Bruno Cirelli
Ottobre 19, 2018

È quanto si legge nella lettera della Commissione Ue che il commissario agli Affari economici e monetari, Pierre Moscovici, ha recapitato brevi manu al ministro dell'Economia, Giovanni Tria.

"Il bilancio italiano mostra una deviazione senza precedenti nella storia del Patto di stabilità, dovuta ad una espansione vicina all'1% e ad una deviazione dagli obiettivi pari all'1,5%. - so legge nella nota dell'Ue -.Un non rispetto particolarmente serio con gli obblighi del Patto". Si avverte sul rischio che così non si ottempera alla regola del debito e che c'è il rischio "particolarmente grave di un mancato rispetto degli obblighi di bilancio previsti dal Patto di Stabilità e crescita". A questo punto si intima al governo italiano di fornire chiarimenti entro lunedì 22 ottobre.

"Con il debito pubblico dell'Italia a circa il 130% del Pil, la nostra valutazione preliminare indica anche che i piani dell'Italia non assicurerebbero il rispetto con il criterio di riduzione del debito concordato da tutti gli Stati membri". Smentisce che si tratta di una "deviazione senza precedenti". "Dire che la situazione sta precipitando per la lettera della Commissione Ue mi sembra una valutazione eccessiva".

"Non è nostra intenzione aggiungere flessibilità a flessibilità per l'Italia" ha ribadito il presidente della Commissione europea, Jean Claude Juncker.

Impenna lo spread, portandosi oltre i 326 punti base. E al termine del vertice riferisce anche del bilaterale con Conte: "Sono stato molto chiaro sulla manovra, e gli ho detto che non è un bene né per l'Italia, né per l'Europa e l'Eurozona". "È uno dei pilastri della manovra e in questi giorni lo spiegherò ai leader europei", sottolinea Conte.

Che non sarebbe passata inosservata questa Manovra di bilancio lo si intuiva già da tempo, da quando veniva annunciato che sarebbe stata avviata con un Deficit al 2,4 per cento e da subito era arrivato il parere negativo della Commissione. "Non può preoccuparci: ci avrebbe preoccupato se avessimo fatto una manovra temeraria". Il presidente di Assolombarda intervenendo alla assemblea generale della associazione ha detto "no a promesse elettorali scassa Bilancio e di scarso impatto su crescita e lavoro". "Dobbiamo raddoppiare gli sforzi per dimostrare che l'Unione sa dare risposte davvero efficaci ai principali problemi degli europei, come immigrazione, sicurezza e disoccupazione". In Europa lo Stoxx 600 ha cancellato i guadagni della prima parte di seduta lasciando lo 0,5% in scia al calo di Wall Street che ha penalizzato industriali e tecnologici.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE