Manovra, Conte: "Troveremo una sintesi e l'Ue vedrà che è credibile"

Paterniano Del Favero
Ottobre 18, 2018

Mentre si avvicina la scadenza, entro la mezzanotte di lunedì, per l'invio del documento programmatico di bilancio all'Ue, i due azionisti dell'esecutivo gialloverde trattano a oltranza sui punti cardine della politica economica del governo.

"Il reddito di cittadinanza, se realizzato male puo' essere frainteso e' percepito come sussidio assistenziale", aveva detto durante l'intervento, applaudito dai leghisti "Stiamo facendo di tutto perche' anche questo strumento, che potrebbe apparire non di alta redditivita', ma di alto valore sociale, venga realizzato in una prospettiva di sviluppo sociale, affinche' si crei un meccanismo di riqualificazione delle persone che hanno perso il lavoro e di qualificazione per quelle che non lo hanno". Intesa in questi termini sarà una riforma essenziale per la crescita.

"A me interessa innanzitutto il metodo, prima bisogna sedersi a un tavolo, analizzare i contenuti, e dobbiamo avere il tempo di poter spiegare come l'abbiamo impostata - ha ribadito - Non esiste, se non attraverso pregiudizi, una valutazione preventiva, quindi lasciateci il tempo di sedere attorno a un tavolo con i nostri interlocutori europei e di spiegare la nostra manovra". Tanto che "al primo mio incontro con la Merkel chiesi subito di approfondire i diritti di recupero al lavoro e all'occupazione". Quanto alla riforma fiscale, "non la possiamo attuare tutta in un tratto, interveniamo con la manovra già in maniera significativa, ma sulla pressione dobbiamo lavorare perchè il livello non è ancora soddisfacente". Il leit motiv ripetuto negli ultimi giorni è sempre lo stesso: poter presentare nel dettaglio le misure che l'esecutivo ha in mente.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE