Pensioni, le novità: 4 finestre per l'uscita e quota 100

Paterniano Del Favero
Ottobre 17, 2018

La pensione Quota 100 ha dei requisiti vincolanti, non è solo la somma tra età + contributi, in quanto stabilisce minimo 62 anni di età e 38 anni di contributi.

Salve sono un marittimo volevo chiedervi se va in porto la quota 100 per le pensioni, io a 58 anni avrò 42 anni di contributi potrò andare in pensione?

Ma il Governo Conte starebbe studiando anche agevolazioni per favorire il cumulo dei contributi, in particolare attraverso lo strumento del riscatto della laurea, che interesserebbe tanto gli statali quanto, soprattutto, i lavoratori del settore privato.

Dal prossimo anno a queste due opzioni se ne aggiunge appunto una terza, ossia la Quota 100, più una quarta ma riservata alle lavoratrici: l'Opzione Donna, prorogata dalla Legge di Bilancio 2019. Vediamo allora di riepilogare i punti fondamentali della riforma del provvedimento approvato dal Consiglio dei ministri che dovrebbe approdare in Parlamento domani per l'approvazione. Il limite, in tali casi, è rappresentato dall'obbligo di vedersi ricalcolare l'assegno pensionistico interamente con il calcolo contributivo, anche per i periodi contributivi ante 1 gennaio 1996, che in genere conservano il meccanismo di calcolo retributivo.

In sostanza, si agevolerebbero tutte quelle pensioni di importo inferiore a 780 euro, con una differenziazione tra chi è proprietario di un immobile e chi non lo è.

Lo stesso ministro dell'Interno Salvini ha ribadito che, pur non essendo in grado di stravolgere da subito l'intero sistema previdenziale, il governo ha iniziato a perseguire con caparbietà i suoi obiettivi: "Cominciamo a mantenere gli impegni presi, gradualmente ma con coraggio, a partire dallo smontare mattone dopo mattone la legge Fornero, restituendo il diritto alla pensione e al lavoro per circa 400 mila italiani, senza penalizzazioni di nessun tipo". Stiamo parlando della "quota 100" che garantirebbe l'accesso al pensionamento anticipato a molti lavoratori prossimi alla pensione, i quali possono collocarsi a riposo in deroga ai requisiti pensionistici ordinari (pensione di vecchiaia e pensione anticipata). Anticipo consistente che però costa parecchio: l'assegno previdenziale sarà più leggero di un quarto, il taglio varrà infatti circa il 25%.

Poi, a proposito del dialogo con la Ue, ha aggiunto: "L'idea che con questa manovra si voglia far saltare in aria l'Europa è del tutto infondata". Confermato il riprestino dell'opzione donna, la possibilità di uscita con il sistema contributivo che scatterebbe però a sessant'anni.

La novità dell'ultima ora è l'arrivo di un secondo decreto, che scorpora dal dl fiscale norme altrimenti non omogenee.È stato rinominato "taglia scartoffie e leggi inutili", e cancella oltre 100 adempimenti per le imprese, oltre a inglobare alcune misure per garantire una Rc auto "più equa". Avendo iniziato a lavorare molto giovane, potrei usufruire anche della precoce a 41 di contributi avendo iniziato a 16 anni e al 19 esimo, avevo oltre 20 mesi di contributi?

I lavori gravosi e usuranti, non subiscono l'aumento dei contributi di 5 mesi.

Taglio sulle pensioni d'oro sopra i 4.500 euro netti mensili.

I requisiti per accedere alla Quota 41 quindi sono molto restrittivi, ecco perché i lavoratori hanno chiesto con forza un ampliamento della platea dei beneficiari nel 2019.

L'Opzione Donna è una misura sperimentale che il Governo ha deciso di prorogare anche per il prossimo triennio consentendo alle lavoratrici di andare in pensione all'età di 57 anni (un anno in più per le autonome) più 7 mesi per l'adeguamento con le aspettative di vita, purché abbiano maturato 35 anni di contributi.

Per lasciare il lavoro bisognerà, comunque, aver compiuto i 62 anni (e avere 38 anni di contributi).

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE