Papa Francesco: la preghiera è un lavoro

Bruno Cirelli
Ottobre 12, 2018

"Perché è come affittare un sicario". E' giusto affittare un sicario per risolvere un problema? Valutare i comportamenti umani solo come atti produce moralismi senza presa sulla vita; considerarli come gesti, al contrario, fa emergere la posizione in cui si deve trovare esistenzialmente la persona per compierli.

"Un approccio contraddittorio consente anche la soppressione della vita umana nel grembo materno in nome della salvaguardia di altri diritti. Ma come può essere terapeutico, civile, o semplicemente umano un atto che sopprime la vita innocente e inerme nel suo sbocciare?".

Di tutta risposta il ginecologo Viale stamane ha scritto sulla sua pagina facebook un post replicando al pontefice: "Tutti coloro, comprese le ministre, che fanno diagnosi pre-natale, lo fanno per sapere se dovranno abortire". L'accoglienza dell'altro, infatti, è una sfida all'individualismo. Poi la riflessione su alcuni casi specifici, come quelli di chi scopre "che una vita nascente è portatrice di disabilità, anche grave. Invece spesso ricevono frettolosi consigli di interrompere la gravidanza", ha continuato il Pontefice, difendendo il diritto alla vita del feto e promuovendo una maggiore attenzione e vicinanza alle famiglie che si trovano ad affrontare simili situazioni. E ha concluso: "Colui, colei che si presenta come un problema, in realtà è un dono di Dio che può tirarmi fuori dall'egocentrismo e farmi crescere nell'amore". Che Dio è "amante della vita".

Ogni vita vale il sangue di Cristo. "La vita vulnerabile ci indica la via di uscita, la via per salvarci da un'esistenza ripiegata su sé stessa e scoprire la gioia dell'amore", ha aggiunto. Dobbiamo dire agli uomini e alle donne del mondo: non disprezzate la vita!

Invadenti, determinati, senza vergogna: così i cristiani devono pregare Dio, con la costanza di chi sta svolgendo "un lavoro" e nella consapevolezza che la preghiera "non è una bacchetta magica" che appena si chiede si ottiene. Anche quello di un bimbo magari non cercato, ma offerto all'Io come possibilità. A tanti giovani va detto: non disprezzare la tua esistenza! Tu sei un'opera di Dio!

"Tutto il male nel mondo si riassume in questo: il disprezzo per la vita", sottolinea il papa. Senza bisogno di sicari che sistemino le cose, senza bisogno di avere la vita a posto per cominciare a vivere.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE