Ue, Juncker: "Ostacolare la marcia dei populisti limitati e dei nazionalisti stupidi"

Bruno Cirelli
Ottobre 11, 2018

Lo ha sottolineato in un tweet anche Margaritis Schinas, portavoce ufficiale della Commissione Europea rispondendo ad un tweet: "Senza una canzone o una danza, cosa sarebbe la vita?"

L'argomento del discorso del presidente non riguardava direttamente la Brexit, ma gli oppositori dell'Europa in generale: "Opero un distinguo tra gli euroscettici, che hanno delle domande, ed i populisti limitati con i nazionalisti ottusi. Non è la stessa cosa, ma lo dico qui come l'ho detto ieri, bisogna mettersi di traverso alla marcia verso la non Europa ispirata dai populisti stupidi e da nazionalisti ottusi".

La dichiarazione, fuori dai canoni della diplomazia politica, arriva nella giornata in cui Roberto Fico comincia la sua due giorni a Bruxelles, in un momento rovente per la definizione della manovra economica che ormai non può più contare sui tempi supplementari; a Bruxelles inoltre, Fico incontra, fra gli altri, il commissario agli Affari europei Moscovici e, il caso vuole, il presidente della Commissione Juncker. Juncker ha aggiunto che gli obiettivi di bilancio in questione 'sono stati concordati da governi democraticamente eletti'. Inoltre, "con la Commissione Juncker dal 2015 al 2018 l'ammontare di flessibilità di cui ha beneficiato l'Italia è stato pari al 1,8% di Pil, circa 30 miliardi", ha spiegato il portavoce. "Perché gli elettori sceglieranno gli originali, invece dobbiamo dire no a tutti i movimenti populisti", ha affermato. Durante l'iniziativa verranno annunciati i vincitori del premio RegioStars e del terzo bando per le Azioni urbane innovative (Uia).

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE