File spariti da Windows 10 dopo l'Update, pronta la patch

Geronimo Vena
Ottobre 11, 2018

Questa volta è toccato a Microsoft, che ha dovuto bloccare la distribuzione di un importante aggiornamento di Windows 10 (October 2018 Update) perché cancellava i file personali dalla cartella "Documenti" sui computer di alcuni utenti.

A distanza di alcuni giorni l'azienda guidata da Satya Nadella fa sapere di aver identificato e risolto tutti i problemi dell'aggiornamento. "Studieremo attentamente i risultati, i feedback e i dati diagnostici dei nostri Insider prima di una distribuzione più ampia", ha spiegato John Cable, director of program management per Windows Servicing and Delivery.

Dopo le proteste degli utenti, Microsoft ha dapprima deciso di ritirare temporaneamente l'aggiornamento (Microsoft sospende la distribuzione di Windows 10 Aggiornamento di ottobre 2018) per poi avviare le indagini sull'accaduto. Microsoft ha già rilasciato il nuovo Windows 10 Aggiornamento di ottobre 2018 opportunamente corretto rendendolo però disponibile solo per i partecipanti al programma Windows Insider.

"Un gruppo molto ridotto di utenti ha perso i file durante il passaggio a October 2018 Update. Questo è avvenuto sui sistemi in cui il Known Folder Redirection (KFR) era stato precedentemente abilitato, e in cui i file erano rimasti nella vecchia posizione originale della cartella anziché essere spostati nella nuova posizione reindirizzata".

In seguito all'installazione di uno dei pacchetti della nota azienda Microsoft più attesi degli ultimi anni molti utenti hanno visto scomparire dai loro dispositivi dei file personali, soprattutto nelle cartelle dei Documenti e delle Immagini. Il problema nasceva con l'April 2018 Update, con cui alcuni utenti avevano riportato la creazione indesiderata di una copia vuota delle cartelle di sistema dopo l'uso della KFR.

Secondo Microsoft, il bug era comunque limitato a una piccolissima, microscopica percentuale di utenti, e pare fosse legato alla funzione di reindirizzamento delle cartelle usata da alcuni utenti. Gli ingegneri di Microsoft sono incappati nella classica situazione in cui sistemando un errore ne emerge un altro, magari anche potenzialmente più pericoloso.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE