URAGANO MICHAEL: possibile landfall sulla Florida con venti oltre 200 km/h

Bruno Cirelli
Ottobre 10, 2018

Ora l'uragano Michael punta Florida e Alabama.

Dopo aver seminato morte e distruzione in America centrale con 13 vittime ufficiali, l'uragano Michael sta raggiungendo anche le coste della Florida e dell'Alabama, dove è stata dichiarata l'emergenza.

Forti piogge hanno già colpito Cuba e ora si temono smottamenti. Nelle prossime ore diventerà un "Major Hurricane", ovvero raggiungerà la categoria 3 sulla scala Saffir-Simpson e presenterà venti medi attorno ai 200 km/h (raffiche oltre i 250 km/h).

L'uragano Michael dunque si sta intensificando con un ritmo davvero eccezionale a causa delle elevatissime temperature del Golfo del Messico e a breve raggiungerà le coste meridionali degli Stati Uniti. E in Georgia il governatore Nathan Deal ha dichiarato lo stato di emergenza preventiva per 92 contee: "Chiedo a tutti i cittadini di unirsi a me nella preghiera per la sicurezza della nostra gente, e di tutti coloro che sono sulla traiettoria dell'uragano Michael", ha spiegato.

Da domani mattina, mercoledì 10 ottobre, l'uragano Michael avrà raggiunto la categoria 3 e sarà accompagnato da venti che sfioreranno i 200 chilometri orari; in serata la tempesta toccherà le coste della Florida settentrionale in prossimità di Panama City.

Il governatore della Florida Rick Scott ha allertato la guardia nazionale che ha già 1250 uomini sul posto e 4mila a disposizione. Le parole del governatore non sono incoraggianti: "Michael è una tempesta mostruosa, e le previsioni continuano a peggiorare". 'Ogni famiglia deve essere preparata.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE