Manovra, il ministro Savona: "Abbiamo superato la prova dei mercati"

Paterniano Del Favero
Ottobre 10, 2018

Dopo le critiche di Bruxelles, il ministro degli Affari europei Paolo Savona difende le scelte del governo Conte sulla nota di aggiornamento al Def, che fissa per il prossimo anno il rapporto deficit/Pil al 2,4%. Il ministro ha comunque precisato: "Penso che alla fine troveremo un punto di incontro".

Savona ha affermato che teme una "crisi finanziaria" però "la speranza è che non ci sia uno scontro in Europa che si traduca in una crisi finanziaria che non interessa a nessuno" perché "con l'instabilità politica in Italia succederebbe qualcosa di veramente grave in Europa e nel resto del mondo". Borse, Milano maglia nera: -2,43%. E ancora: "In un sistema in cui la politica monetaria sta diventando cautelativa e lo sviluppo economico tende a scendere, l'Europa continua a tenere il pilota automatico".

Savona ha spiegato che non lo preoccupano i mercati, ma piuttosto lo scontro politico: "I mercati si sono comportati moderatamente, la prova dei mercati l'abbiamo superata".

Savona è ottimista sulla crescita del Pil italiano ("Ritengo tecnicamente che noi possiamo arrivare al 2% di crescita nel 2019 invece che dell'1,5% e al 3% nel 2020") e sul fatto che l'esecutivo raggiungerà un accordo con la Commissione Ue. "Siamo più spaventati dallo scontro politico tra le élite conservatrici e le forze riformiste che vogliono che l'Europa faccia qualcosa per cambiare", ha aggiunto Savona.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE