Compaiono pesci nel Mar Morto. Incredibile, ma vero! Si teme la profezia

Bruno Cirelli
Ottobre 9, 2018

Una scoperta che ha dell'incredibile a giudicare dalle caratteristiche fisiche del lago e della sua acqua: il lago che bagna Giordania e Cisgiordania ha infatti una salinità del 37 per cento. Queste parole che potrebbero suonare come l'epico avvertimento di un pazzo, sono in realtà state pronunciate da Noam Bedein, stimato fotoreporter israeliano che da tempo sta monitorando il Mar Morto e lo stato di salute delle sue acque. Una profezia messianica è che l'acqua scorrerà da Gerusalemme nel Mar Morto, le acque si riempiranno di pesci, riversando la vita nel deserto circostante.

Sul fondo ci sarebbero infatti delle doline, dove sgorga dell'acqua dolce, dove riuscirebbero a viverenumerose forme di vita, prevalentemente batteri.

La profezia di Ezechiele sulla fine dei tempi si concretizza nella storia dei microrganismi che vivono nel Mar morto, stando a quello che dicono gli studiosi israeliani, i cui lavori sono stati raccontati dal reporter Noam Bedein del Dead Sea Revival Project.

Secondo quanto riferito dal quotidiano Il Messaggero, il nome del Mar Morto deriva proprio dall'impossibilità, almeno apparente, dello sviluppo di forme di vita al suo interno. È "tutt'altro che morto", dice il fotografo e, anzi, è "l'ottava meraviglia del mondo".

Tale circostanza sarebbe oscuro presagio di una profezia biblica, raccolta da Ezechiele, per cui al ritorno della vita in quell'area sarebbe corrisposta la fine del mondo. Un nefasto presagio, che parla di terra distrutte poi divenute particolarmente floride e fertili. Basti pensare che ogni giorno il Mar Morto perde l'equivalente di 600 piscine olimpiche di acqua, una vera e propria catastrofe.

Il livello delle acque del Mar Morto era da 100 a 250 metri più elevato fino a 12.000 anni fa: se consideriamo però che questo lago salato si trova in una regione estremamente secca che sprigiona temperature estive fino ad oltre 45 gradi è facile immaginare perché stia lentamente sparendo.

La valle in cui oggi vediamo il Mar Morto allora divenne sterile e povera. "In un luogo che era stato maledetto ai tempi della Bibbia - ha detto al Daily Star -, ora si possono esplorare le doline e, dove l'acqua si è ritirata, vedere i pesci così come detto nella profezia di Ezechiele".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE