Toyota: ordina richiamo di 2,4 milioni di auto ibride - Industria

Paterniano Del Favero
Ottobre 8, 2018

Nuovo richiamo di modelli Toyota. "In Giappone, non è facile testare auto autonome su strade pubbliche - ha detto Junichi Miyakawa, il manager di SoftBank che guiderà la nuova società che sarà controllata al 50,25% da SoftBank e al 49,75% da Toyota - ma vogliamo contribuire a creare le condizioni perché questi veicoli diventino realtà, introducendo servizi di mobilità su richiesta". La decisione della casa giapponese si aggiunge al richiamo già predisposto lo scorso mese di oltre un milione di auto con la stessa tecnologia, ossia a doppia alimentazione benzina-elettricità.

In una nota stampa, la Casa giapponese ha fatto sapere che in alcuni (rari) casi, l'errato funzionamento del software - attribuibile al calore eccessivo - potrebbe tradursi in un mancato passaggio alla modalità 'failsafe'.

Quella annunciata da Toyota, come spesso avviene in questi casi, è una misura precauzionale con l'obiettivo di evitare che si verifichino incidenti a causa di questo difetto. In Europa, il richiamo riguarderà 290.000 veicoli. In Italia il problema è circoscritto a circa 20mila veicoli, molti dei quali taxi.

L'iniziativa riguarda principalmente alcune versioni della Prius e dell'Auris prodotte tra l'ottobre del 2008 e il novembre del 2014.

Riccardo Taglioni, Manager Communitation & External Affairs di Toyota Motor Italy, in un'intervista rilasciata all'AGI, ha spiegato: "Si tratta di un semplice aggiornamento, da effettuare in pochi minuti presso il proprio concessionario".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE