Brasile, exploit dell'estremista di destra Bolsonaro

Bruno Cirelli
Ottobre 8, 2018

San Paolo - Jair Bolsonaro ha trionfato nel primo turno delle elezioni presidenziali in Brasile, sfiorando il 50% dei voti e staccando Fernando Haddad per quasi 20 punti: affronterà il ballottaggio contro l'erede di Lula da Silva, previsto per il 28 ottobre, come candidato superfavorito. Dopotutto lui stesso è un ex militare e durante la campagna elettorale è sopravvissuto a un accoltellamento. "Vogliamo unire i democratici del Brasile, non portiamo le armi ma la forza dei nostri argomenti" ha detto il 55enne ex sindaco di Sao Paulo, sottolineando come i risultati ci mostrano "i rischi che corre il Brasile".

Il primo è una piaga che ha fatto da sfondo a tutti gli ultimi governi brasiliani e ha fatto sprofondare il Brasile in una profonda crisi economica e morale dopo che la sua crescita aveva visto un exploit mentre l'Europa faceva i conti con la crisi del 2008.

Considerando i sondaggi - Lula riusciva a raccogliere il 40% delle intenzioni di voto - non era escluso che la valanga di voti andasse al suo delfino Haddad che invece si è fermato al 27,97%.

Il Pt resiste però nel suo tradizionale feudo del Nordest del Brasile: nei nove stati che riuniscono alcune delle regioni più povere del paese, Haddad è in testa con risultati che raggiungono anche il 60%, e i candidati del Pt e dei partiti alleati vedono assicurate le loro poltrone di governatori.

HADDAD - Il candidato del Partito dei Lavoratori ha fatto un appello in favore di un'alleanza dei democratici contro Bolsonaro in vista della sfida del 28 ottobre prossimo. Il caso più clamoroso è quello dell'ex presidente Dilma Roussef, candidata per uno dei due seggi della Camera alta in gioco nello stato di Minas Gerais e figurava come favorita nei sondaggi: alla fine è arrivata quarta, con poco più del 14% dei voti, e rimane fuori dalla gara.

Risultato a sorpresa anche a Rio de Janeiro, dove Wilson Witzel (ex magistrato del Partito Social Cristiano (Psc), che appoggia Bolsonaro a livello nazionale) è in testa nell'elezione per l'incarico di governatore con poco meno del 40% dei voti, quando sino a ieri i sondaggi lo davano al quarto posto, con appena il 12%.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE