Addio al vecchio scontrino: arriva quello elettronico

Paterniano Del Favero
Ottobre 8, 2018

La Legge di Bilancio 2017 ha infatti stabilito l'inserimento, previa richiesta, del codice fiscale del cliente nello scontrino fiscale e nella ricevuta d'acquisto, codice che servirà proprio per prendere parte alla lotteria. Le norme sono contenute in una bozza, che l'ANSA ha visionato, con alcuni articoli definiti ed altri solo abbozzati nel titolo: tra quest'ultimi anche la proroga del prestito Alitalia, il fondo per ristoro dei risparmiatori l'estensione dei gruppi Iva ai gruppi bancari.

Ci sarà la possibilità di fare pace con il fisco per le liti tributarie di ogni grado e giudizio. La rottamazione ter delle cartelle sarà ancora più conveniente perché diluita in cinque anni e con la domiciliazione bancaria dei versamenti, sia la "pace fiscale" per mettere una pietra sopra alle controversie pendenti con il fisco. Stop anche all'aumento delle accise sulla benzina che erano previste nel 2019, in base ad decreto approvato a giugno di due anni fa. Questo quanto prevede l'ultima bozza del dl fiscale collegato alla manovra, che introduce decisive novità in tema di fatturazione.

Scatta l'obbligo generalizzato di memorizzazione e trasmissione telematica di scontrini e fatture all'Agenzia delle Entrate.

L'introduzione sarà graduale: riguarderà dal prossimo luglio i contribuenti con un volume d'affari superiore ai 400mila euro l'anno e poi, dall'inizio del 2020, tutti gli altri esercenti, anche i più piccoli.

Si avvicina il giorno dell'addio al vecchio scontrino che verrà sostituito da quello elettronico e si affiancherà alla e-fattura. L'obbligo di fattura elettronica per la maggior parte delle transazioni rimane dal primo gennaio 2019. Il decreto fiscale è stato preparato dal ministero dell'Economia di concerto con il ministero dello Sviluppo economico. Lo prevede la bozza del decreto fiscale collegato con la manovra. Per favorire l'adeguamento alle nuove modalità di fatturazioni, saranno previsti specifici esoneri legati al livello di connessione alla rete necessaria per la trasmissione dei dati e un'agevolazione finanziaria per l'acquisto di un registratore telematico da usufruire, per l'acquirente, sotto forma di sconto al momento dell'esecuzione dell'adeguamento o dell'acquisto del prodotto e da recuperare, per il venditore del prodotto, in compensazione attraverso il modello F24. La norma originaria doveva garantire 140 milioni di gettito nel 2019 146 nel 2019 e poi nel 2020.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE