50 sfumature di Mou: all'inferno e ritorno in 20'

Rufina Vignone
Ottobre 8, 2018

Accade tutto nella sfida contro il Newcastle di Rafa Benitez, valida per l'8/a giornata della Premier League, con gli ospiti in vantaggio 2-0 dopo soli 10', ma raggiunti e sorpassati in zona Cesarini dai 'Red devils', per un 3-2 finale vietato a chi soffre alle coronarie. Così Josè Mourinho commenta a caldo il successo in rimonta contro il Newcastle, smentendo però che la squadra giochi per lui.

Il tecnico portoghese si affida al tridente d'attacco guidato da Lukaku, con Rashford e Martial ad agire in posizione più esterna rispetto al belga. Sono professionisti e queste sono chiacchiere inutili - ribadisce lo Special One - Quello che chiedo ai giocatori è di dare assolutamente tutto. Sono chiacchiere ridicole. Mai vista nei miei 55 anni una caccia all'uomo come quella di cui sono stato oggetto. Hanno dato tutto in campo e non penso che siamo stati fortunati, il risultato l'hanno meritato. Almeno per ora, la panchina di Mourinho è salva. Ma quanto durerà è lecito chiedersi? Nelle ultime due settimane i Red Devils hanno perso due volte (contro Tottenham e Derby), e pareggiato altrettante (Valencia e Wolverhampton). Alla terza stagione all'Old Trafford i rapporti con parte del mondo United sembrano irrimediabilmente compromessi, e non può essere certo una vittoria a risolverli. La conferenza stampa di poco più di tre minuti tenuta venerdì nella prima mattina sarebbe un altro segnale: lo stesso tecnico sarebbe ormai rassegnato davanti alla prospettiva dell'esonero. In classifica gli Spurs si portano momentaneamente al terzo posto, a quota 18 punti, mentre il Cardiff resta ultimo con 2.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE