Istat: cresce reddito delle famiglie, ma consumi ristagnano (Report)

Paterniano Del Favero
Ottobre 6, 2018

Per questo serve una manovra adeguata, che punti con decisione al rilancio degli investimenti e dei consumi, usando la leva fiscale per favorire la spesa e a restituire alle famiglie italiane un po' di ottimismo. "Il marcato aumento del reddito disponibile, in ampia parte spiegato dal concentrasi dell'effetto degli incrementi retributivi del pubblico impiego, non si è trasferito sui consumi, risultati quasi stagnanti in termini congiunturali; ne è derivata una netta risalita della propensione al risparmio". A fronte di un incremento del deflatore implicito dei consumi pari allo 0,1%, il potere d'acquisto è salito dell'1,2%.

I numeri dell'Istat hanno scatenato l'allarme delle associazioni dei consumatori.

(Regioni.it 3465 - 03/10/2018) L'Istat comunica gli ultimi dati del reddito delle famiglie - relativi ai mesi tra aprile e giugno di quest'anno - che è aumentato dell'1,3% rispetto al trimestre precedente e i consumi sono cresciuti dello 0,1%.

"Consumi al palo. Siamo praticamente fermi".

In Italia il reddito disponibile delle famiglie aumenta ma non è sufficiente per far ripartire i consumi e le famiglie preferiscono risparmiare piuttosto che spendere.

"Più che aiutare a ridurre la pressione fiscale su singole categorie di lavoratori, come le partite Iva, cosa incostituzionale, il governo - afferma l'associazione - dovrebbe aiutare chi ha un reddito basso e ha una maggiore propensione marginale al consumo".

"Una situazione che richiede delle misure appropriate tese ad una redistribuzione dei redditi e ad un complessivo riequilibrio delle condizioni economiche e sociali".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE