Manovra, spread sotto pressione Boom dei tassi dei titoli di Stato

Paterniano Del Favero
Settembre 29, 2018

Avvio carico di tensioni sul mercato telematico per i titoli di Stato italiani dopo il rapporto deficit/pil previsto al 2,4% per tre anni nella nota di aggiornamento al Def: nei primissimi scambi il rendimento del Btp a 10 anni sale di 12 punti base con un rendimento che raggiunge la soglia psicologica del 3%.

"Siamo per il massimo dialogo.L'Italia è nell'Europa l'Italia non è un problema per l'Europa", ha detto il premier che ha anche smentito che il ministro dell'Economia Giovanni Tria abbia pensato a dimettersi. "C'è una dimensione di senso di responsabilità che dobbiamo avere verso il paese, speriamo che riguardi tutti e non solo una parte".

I mercati asiatici e dell'area del Pacifico non guardano ai rischi di tensioni in Europa sulla manovra economica italiana e si muovono generalmente in territorio positivo, con Tokyo che corre sui massimi da quasi 30 anni grazie alla debolezza dello yen e alla solidità mostrata da Wall street. Per le banche si era arrivati nel corso della giornata anche a ribassi a dioppia cifra.

A fine giornata, l'intervento di Conte raccoglie i primi frutti: lo spread tra Btp-Bund si raffredda e scende a 267 punti con un rendimento del decennale al 3,25%. E a Moscovici replica: "Francamente non so cosa si aspettasse, non ho mai pensato che dovessi fare una manovra sulla base di quello che si potesse aspettare un commissario delle istituzioni europee".

"Ora parte l'interlocuzione con l'Ue e con i grandi investitori privati e non abbiamo intenzione di andare allo scontro". "L'ho sentito oggi e ha negato l'ipotesi di sue dimissioni, non sono mai state su tavolo", ha detto il capo del governo ai giornalisti davanti a Palazzo Chigi. Però l'alternativa è peggiore: "se non si fa così non regge la maggioranza in Parlamento, il governo cade e quindi si va all'instabilità".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE