Francia vara maxi taglio tasse da 24,8 miliardi

Paterniano Del Favero
Settembre 25, 2018

Circostanza che però non impedisce al vicepremier Di Maio di riccorrere al caso francese per inasprire ulteriormente il pressing su Tria: "La Francia per finanziare la sua manovra economica farà un deficit del 2,8% - scrive su twitter il ministro dello Sviluppo Economico e del lavoro - Siamo un paese sovrano esattamente come la francia".

E il vicepremier Luigi Di Maio non poteva farsi sfuggire l'occasione per commentare la vicenda sui social: "La Francia per finanziare la sua manovra economica farà un deficit del 2,8%". I soldi ci sono e si possono finalmente spendere a favore dei cittadini. Neppure un 'taglietto' alla Sanità - assicura il ministro pentastellato che promette un aumento delle pensioni minime a quota 780 euro, contestualmente all'eliminazione delle pensioni d'oro per chi non ha versato i contributi.

"Sarà una manovra del popolo che aiuta gli ultimi e fa la guerra ai potenti", ha affermato oggi Di Maio. Confermando che "dentro ci saranno il reddito di cittadinanza, il superamento della Fornero e i soldi per i truffati delle banche". La salute dei cittadini è la cosa più importante: "dobbiamo allontanare i dirigenti politicizzati, eliminare gli sprechi e fare nuove assunzioni".

Il reddito di cittadinanza varrà "per i giovani che non hanno mai trovato" un lavoro ed anche "per quelli che pur lavorando guadagnano meno della soglia di povertà".

"Le sanzioni per chi dichiara il falso sono pesantissime". Non ci sarà nessuna pietà per chi cerca di fregare lo Stato e gli altri cittadini. Si ragiona ancora sui numeri del rapporto deficit-Pil e ora un assist alle posizioni più da colombe dei vicepremier Matteo Salvini e Di Maio arriva proprio dalla Francia.

Francia, taglio delle tasse e deficit al 2,8%.

Parigi sceglie così di posizionarsi appena al di sotto del tetto del 3%, vicino ai livelli auspicati negli ultimi giorni da alcuni esponenti della maggioranza gialloverde, che puntano a spostare l'asticella del deficit nel 2019 ben oltre il 2% e lontano dall'1,6% caldeggiato dal ministro Tria.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE