Italia, cresce l’economia. Istat rivede al rialzo PIL 2017

Paterniano Del Favero
Settembre 23, 2018

"Sulla base dei nuovi dati, il PIL in volume è cresciuto nel 2016 dell'1,1%, con una revisione al rialzo di 0,2 punti percentuali rispetto alla stima di aprile (+0,9%)". Secondo l'Istat, nel 2017 il Pil risulta pari a 1.724.954 milioni, dato revisionato al rialzo di 8.019 milioni rispetto alla stima precedente. L'Istituto di statistica ha inoltre rivisto al ribasso il debito pubblico - che in rapporto al Prodotto Interno Lordo è lievemente sceso al 131,2% - e la pressione fiscale, che si attesta al 42,2%.

È a partire da questi dati infatti che il tesoro compila la griglia con i parametri di finanza pubblica più importanti inseriti nella nota di aggiornamento al Def. Primo fra tutti il livello di deficit in rapporto al pil che intende "utilizzare", con il ministro Tria che vorrebbe fermarsi all'1,6% e i vicepremier che puntano a superare quota 2%. Gli interventi per il rilancio del mercato occupazionale che invochiamo da tempo non possono più essere rinviati, anche perché questa problematica si inserisce in un contesto di contenimento dei consumi, stallo del potere di acquisto e aumento dei prezzi.

Il saldo primario (indebitamento netto meno la spesa per interessi) è pari all'1,4% del pil.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano.

L'Iva, a prezzi costanti, è aumentata del 3,7% nell'industria in senso stretto, dell'1,1% nel settore dei servizi e dell'1,0% nelle costruzioni. mentre si è registrato un calo nel settore dell'agricoltura, silvicoltura e pesca del -4,3%. Intanto, però, da Fitch arrivano le stime sul Pil che verrà: secondo l'agenzia di rating, nel 2018 la crescita sarà dell'1,2%, come nel 2019, mentre nel 2020 si scenderà al +0,9%. In particolare le stime dell'anno 2016 incorporano i dati definitivi sui risultati economici delle imprese e quelli completi relativi all'occupazione. Il valore dei consumi privati è aumentato del 2,6 per cento e la propensione al risparmio delle famiglie è scesa al 7,7 per cento dall'8,6 del 2016.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE