MotoGP Aragon, Lorenzo: "Grande qualifica, siamo messi bene anche per la gara"

Rufina Vignone
Settembre 22, 2018

E non era mai successo, tranne l'anno strano di Casey Stoner (2007 ndr.), che aveva 30-40 cavalli in più delle altre e il vantaggio di poter correre con le Bridgestone. Voglio vincere il più possibile e godermi questi momenti. Sono molto orgoglioso di dare assieme a Gigi e agli ingegneri il mio contributo. "Invece hanno solo pensato ad aumentare lo stipendio di Dovizioso, che stava vincendo qualche gara". È difficile. Son sicuro che il terzo anno avrei avuto risultati migliori, è la mia storia a dirlo. Venire in Ducati per me è stato come cambiare categoria, la differenza è stata grandissima e sia Ducati sia io abbiamo sottovalutato il cambio. Probabilmente abbiamo la moto più forte, la Honda non è molto lontana, ma per la prima volta la Ducati è al top nel 95% delle piste, si può vincere quasi ovunque. In Ducati hanno fatto questo discorso: "Abbiamo Dovizioso che sta facendo meglio di Lorenzo ed è italiano". La Ducati non ha creduto alle parole che dicevo a Gigi o a Domenicali, che mancava veramente poco, un niente, lo ha sottolineato anche Pirro. "Fortunatamente siamo messi bene". Con la gomma usata andavo forte in FP4, ovviamente le Ducati sono davanti, ma io lotterò fino alla fine e vediamo cosa riusciamo a fare. Avere un rapporto è difficile a livelli simili. Andavo sotto il podio perché ero felice che almeno lui desse qualcosa di positivo. La relazione si è deteriorata quando ho capito che non aveva lo stesso atteggiamento nei miei confronti.

E poi il centauro della Ducati ha espresso anche la propria posizione su Romano Fenati e su quanto avvenuto a Misano: "Non conosco bene Romano, sento che cambia spesso personalità". Ma proprio per questo sono ancora più contento. Nel duello con Manzi ha perso la testa, vedendoli in pista sembrava che nessuno dei due fosse interessato alla corsa ma esclusivamente all'altro. Il gesto è indifendibile ma senza l'aggressività di Manzi sarebbe successo?

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE