La dieta antinfiammatoria è l'elisir di lunga vita

Barsaba Taglieri
Settembre 22, 2018

Chi vuole prendersi cura del proprio organismo sa bene che deve seguire una dieta sana, eliminando il cibo spazzatura e tutto ciò che potrebbe appesantire e a lungo andare mettere a rischio la salute. Questo regime alimentare prevede la possibilità di consumare cibi con una grande quantità di sostanze nutritive con effetti antiossidanti piuttosto che prodotti raffinati e zuccherati. Lo studio che giunge a tale conclusione è stato pubblicato sul Journal of Internal Medicine ed è stato realizzato dall'Università di scienze della vita di Varsavia, dal Karolinska Institutet, dal Fred Hutchinson Cancer Research Center di Seattle e dall'Università di Uppsala. Un elevato livello di glicemia nel sangue, soprattutto in gravidanza, può portare allo sviluppo di diabete gestazionale, un problema temporaneo, dicono gli esperti, che riguarda più di una donna su 15, dovuto ai cambiamenti metabolici della maternità il quale, se non opportunamente controllato, può avere ripercussioni sul nascituro come un elevato peso alla nascita o una bassa glicemia (ipoglicemia).

Un nuovo studio suggerisce che coloro che si lasciano andare a spuntini "fuori orario" annullerebbero quanto di buono fatto durante il giorno, se si sta seguendo una dieta per dimagrire. I pazienti invece più vicini alla dieta anti-infiammatoria hanno registrato quello che à un rischio decisamente meno importante.

Dieta antinfiammatoria cosa si beve?

Per vivere più a lungo e in salute dobbiamo mangiare più frutta e verdura, ma sulla nostra tavola non possono mancare il tè, il caffè (per nostra gioia), il pane integrale. Inoltre si registrava un rischio inferiore del 20% di morte per malattie a carico del sistema cardiovascolare e del 13% di morire per tumori. "Anche solo seguendo parzialmente questa tipologia di dieta è comunque possibile ottenere dei benefici per la propria salute", ha dichiarato Joanna Kaluza, una delle autrici dello studio.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE