Di Maio: "Reddito cittadinanza solo a italiani"

Paterniano Del Favero
Settembre 22, 2018

L'articolo 4 è ancora più preciso e spiega che gli aventi diritto sono tutti i soggetti in possesso della cittadinanza italiana, i cittadini che fanno parte dell'Unione Europea (ad esempio i tanto odiati romeni, ma anche francesi, bulgari, polacchi, sloveni o spagnoli) e anche i soggetti provenienti da Paesi che hanno "sottoscritto convenzioni bilaterali di sicurezza sociale".

Esemplificativo, per quanto riguarda l'Italia, è il caso Martinez.

Un aggiustamento che, probabilmente, i pentastellati hanno apportato per garantire il sostegno alla misura degli alleati di governo della Lega: "Sono sicuro che gli amici 5 Stelle stanno studiando una formula del reddito di cittadinanza intelligente che lo limiti ai cittadini italiani", aveva infatti garantito ieri Matteo Salvini lasciando palazzo Grazioli, al termine del vertice di centrodestra. La Corte di Giustizia dell'Ue ha dato ragione a Kerly Del Rosario Martinez Silva, donna di origine straniera che ha presentato ricorso al tribunale di Genova contro l'Inps perché le era stato negato l'accesso all'assegno per nuclei familiari con tre figli. Che ha deciso che i cittadini non appartenenti all'Unione ma con "permessi lavorativi, devono beneficare della parità di trattamento" e devono quindi ricevere la prestazione sociale, considerata una prestazione di sicurezza sociale. Già il testo unico sull'immigrazione del 1998 prevedeva che il migrante dovesse godere "dei diritti in materia civile attribuiti al cittadino italiano".

Che il restringimento della platea del reddito di cittadinanza ai soli italiani possa escludere tanti stranieri lo si vede anche dall'identikit tracciato nell'ultimo rapporto del ministero del lavoro sull'Isee, l'indicatore della situazione economica equivalente, strumento indispensabile per accedere alle agevolazioni previdenziali e assistenziali (dall'assegno per il nucleo familiare allo sconto sulle tasse universitarie, dall'esenzione dal ticket sanitario all'assistenza per i disabili).

"La tassa piatta è una vera rivoluzione ma oggi non se ne parla più".

Rispondendo a un'interrogazione di Forza Italia in cui si ricordava che il governo si è impegnato a impedire l'aumento delle aliquote Iva previsto dalle clausole di salvaguardia, il ministro dell'Economia ha precisato: "Nell'attività istruttoria fin qui svolta, in stretto raccordo con la presidenza del Consiglio dei ministri e con i colleghi di governo, si sta operando nel pieno rispetto delle risoluzioni sul Documento di economia e finanza approvate da Senato e Camera nello scorso mese di giugno". "Questo governo lavora ad una legge di bilancio che mette al centro gli italiani e non le lobby e le banche". A confermare in Italia questa tendenza ci sono tante sentenze, come quella del 2015 del tribunale di Santa Maria Capua Vetere.

Parlare di stranieri regolarmente residenti significa riferirsi a chi ha almeno un permesso di soggiorno di lungo periodo.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE